Header Unit

Yngwie Malmsteen – Recensione: Marching Out

Pubblicato nel settembre del 1985, “Marching Out” è il secondo disco solista del giovane Yngwie Malmsteen e sintetizza molto bene le caratteristiche principali del suo stile, identificandolo in modo ancora più chiaro come un vero astro nascente della chitarra. L’album è rimstato famoso probabilmente, soprattutto, per due brani, abbastanza diversi l’uno dall’altro. Questi due brani sono l’iniziale “I’ll See The Light Tonight“, che ancora adesso è portato in giro in sede live sia da Malmsteen che da Jeff Scott Soto (che ovviamente, a trent’anni di distanza, riesce ancora a ripeterlo perfettamente, acuto dopo acuto – tanto di cappello a lui), e “I Am A Viking“, trionfo della tamarraggine malmsteeniana e sorta di intreccio tra stile neoclassico ed epic metal. Parlare di “Marching Out” solo in termini di questi due brani sarebbe però riduttivo. Sono infatti diversi (anzi, praticamente quasi tutti) i brani che, nella loro diversità, rispecchiano le caratteristiche di quello che era Malmsteen nel 1985, un astro nascente e una fucina di idee destinata a influenzare in positivo e in negativo generaziohi di chitarristi a venire. Ci sono quindi “Don’t Let It End“, melodica e leggermente malinconica, “Disciples Of Hell“, arrabbiata e dalle sonorità più cupe, o “Overture 1383“, che mette in chiaro l’importanza per Malmsteen della musica classica. E poi, certo, tutto questo non sarebbe stato possibile senza la straordinaria voce di Jeff Scott Soto e senza l’apporto degli altri musicisti che prendono parte al full length, come Jens Johansson alle tastiere e il compianto Marcel Jacobs (che poi rivedremo anche nei Talisman sempre insieme a Soto) al basso.
“Marching Out” è quindi, in un certo senso, un disco da riscoprire e rivalutare, che certamente in alcuni momenti potrebbe sembrare anacronistico, ma che in generale offre ancora molti spunti di interesse e ci restituisce un Yngwie Malmsteen giovane ma già ben focalizzato su quello che sarà il suo stile d’ora in avanti.

Etichetta: Polydor Records

Anno: 1985

Tracklist: 1. Prelude

2. I'll See The Light, Tonight

3. Don't Let It End

4. Disciples Of Hell

5. I Am A Viking

6. Overture 1383

7. Anguish And Fear

8. On The Run Again

9. Soldier Without Faith

10. Caught In The Middle

11. Marching Out
Sito Web: https://www.facebook.com/officialyngwiemalmsteen/?fref=ts

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login