Header Unit

Wolves In The Throne Room – Recensione: Diadem Of 12 Stars – Ristampa

In attesa di poter ascoltare il nuovo album in studio, a cui la band sta lavorando, Artemisia Records propone la ristampa di “Diadem Of 12 Stars”, prima prova dell’eclettico two piece composto dai fratelli Aaron e Nathan Weaver. L’esordio degli americani (uscito originariamente nel 2006) è ancora un poco acerbo se vogliamo paragonarlo a quanto il gruppo ha prodotto successivamente (“Two Hunters”, solo un anno dopo, osava molto di più), ma di certo getta le basi nel definire la struttura di quella visione personale del black metal che accompagna un panorama lirico di carattere naturalista e astronomico.

“Diadem Of 12 Stars” è composto da quattro lunghe suites per la durata complessiva di un’ora dove si definiscono i canoni espressivi di un black metal atmosferico particolare, fatto di passaggi ruvidi parte di un panorama primitivo spezzati dalle melodie eteree tessute dei synth, che eludono però un’eccessiva orecchiabilità e creano invece atmosfere sognanti ma pur sempre plumbee, ideale scenario delle visioni oniriche dei Weaver. Nel contesto entrano voci femminili e diluizioni del suono in chiave doom, rallentamenti che rafforzano l’alone algido e distante che caratterizza i pezzi.

Una release che conta ormai dieci anni ma per molti aspetti ancora attuale, con i suoi momenti migliori in “Queen Of The Borrowed Light”, forse uno dei brani più legati al black della tradizione, arcigno e veloce sebbene spezzato da alcune melodie d’ambiente (ancora oggi eseguito dal vivo e apprezzato dal seguito del gruppo) e la lunga suite “A Shimmering Radiance”, che nei suoi oltre 20 minuti arriva a diluire il sound fino a renderne disturbante la percezione e riassumendo questo stile espressivo dove il suonato conta decisamente di più delle voci, che intervengono solo in specifici passaggi.

Se non conoscete del tutto oppure soltanto in parte questa band, la reissue vi mostrerà come si sia originato il sound astrale dei Wolves In The Throne Room, qui ancora in fase di crescita ma già parecchio affascinante. Ora attendiamo con curiosità il nuovo capitolo. Considerato che il precedente “Celestite” era una sorta di rilettura ambient-elettronica di “Celestial Lineage” uscito ormai nel 2011, le aspettative verso del materiale completamente nuovo, sono piuttosto elevate.

Wolves In The Throne Room - Diadem Of 12 Stars

Voto recensore
S.V.
Etichetta: Artemisia Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Queen Of The Borrowed Light 02. Face In A Night Time Mirror – Part 1 03. Face In A Night Time Mirror – Part 2 04. A Shimmering Radiance (Diadem Of 12 Stars)
Sito Web: http://wittr.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login