Evergreen Terrace – Recensione: Wolfbiker

Un bel passo in avanti. Ebbene sì, difficile a crederci ma gli Evergreen Terrace l’hanno fatto.

Nella maggioranza dei casi, di fronte al solito disco metal-hard-core, immediatamente l’orecchio tende ormai a chiudersi, come estremo atto di autodifesa. Eppure questo quintetto della Florida, al debutto su Metal Blade, riesce a farci riaprire più di qualche fessura nel padiglione, nonostante non proponga alcunché di clamorosamente diverso da milioni di gruppi loro simili.

Parti tirate, voce urlata e melodica ora alternate e ora sovrapposte, stacchi profondamente hardcore di scuola newyorchese. Eppure… Eppure gli Evergreen Terrace suonano molto meglio del precedente ‘Sincerity Is An Easy Disguise In This Business’, sicuramente molto più freschi e vari e, diciamolo pure, decisamente più commerciali. Forse e’ il merito di un’oculata scelta di riff e produzione, forse di parti vocali melodiche di immediata presa, oppure di una discreta capacità di assimilare le diverse influenze, qua e là spuntano anche gli Helmet, con un entusiasmo ed un’ironia non scalfiti dalla breve durata del disco.

Meno male, stavolta ci siamo salvati…

Voto recensore
7
Etichetta: Metal Blade / Self

Anno: 2007

Tracklist: 01 Bad Energy Troll
02 High Tide or No Tide
03 Wolfbiker
04 Chaney Can't Quite Riff Like Helmet's Page Hamilton
05 Where There is Fire we Will Carry Gasoline
06 Rip This!
07 Starter
08 To the First Baptist church of Jacksonville
09 Rolling Thunder Mental Illness
10 The Damned

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login