Witherfall – Recensione: Vintage

Aspettatevi di tutto, ma non l’elettricità dell’heavy metal plumbeo e drammatico del recentissimo “A Prelude To Sorrow”, perché in “Vintage” gli americani Witherfall giocano quasi interamente su territori unplugged, scoprendo quei fili che pulsavano di elettricità nei primi due capitoli della loro storia.

Quello che troviamo in questi 40 minuti, è il racconto di una band che fa delle atmosfere e della componente emozionale un filo rosso da tessere anche quando scompare l’elettricità degli strumenti.

Nati nel 2013 – mese più mese meno – dalla mente del chitarrista Jake Dreyer (Iced Earth) e da quella del cantante e tastierista Joseph Michael (nei Sanctuary da fine 2018) , i nostri hanno alle spalle già due album, e la tragica scomparsa a causa di un male incurabile del co-fondatore Adam Paul Sagan.  

Versioni spogliate di elettricità, ma non del intensità, e nelle canzoni (le cover di Helloween e Tom Petty, con la bella ed intensa “I Won’t Back Down” che si lega anche a fatti drammatici di cronaca legati al periodo di registrazione del secondo album dei nostri in quel di Panama) si sente tutta la forza di una band che sembra pronta a raccogliere i frutti di un seminato decisamente positivo. I Witherfall per l’occasione presentano anche il tastierista Alex Nasla, da poco entrato nel combo.

Nell’ep interessante la scoperta di “The Long Walk Home (December)” contenuta nella versione nipponica di “Nocturnes and Requiems”, debutto dei nostri. Chiude il disco “Vintage”, nella sua potenza elettrica, ulteriore tributo a Sagan e già presente nel secondo disco da studio.

Non utilissimo dal punto di vista strettamente musicale, perché quanto proposto non sposta di molto la storia della band, ma ce ne offre una versione diversa. Per meglio conoscere la “materia Witherfall , il consiglio però è quelli di partite affrontando il secondo disco, “A Prelude To Sorrow” uscito lo scorso novembre sempre tramite Century Media.

Aspettiamo con curiosità il terzo capitolo di questa band, perché se riusciranno a mantenere quanto promesso ne ascolteremo delle belle.

Voto recensore
S.V.
Etichetta: Century Media

Anno: 2019

Tracklist: 1. Vintage I (3:19) 2. Nobody Sleeps Here… (3:00) 3. Vintage II (3:20) 4. A Tale That Wasn't Right (Helloween cover) (5:21) 5. Ode To Despair (Acoustic) (4:02) 6. The Long Walk Home (December) (6:27) 7. I Won't Back Down (Tom Petty cover) (4:12) 8. Vintage (album version) (11:05)
Sito Web: https://www.witherfall.com/

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login