Wickman Road – Recensione – After The Rain

Dalla Svezia con furore, i Wickman Road sono una giovane band che arriva dalla cittadina di Rydaholm e che con questo “After The Rain” segna il suo debutto discografico a due anni dalla formazione del gruppo, nato ufficialmente nel 2014 con l’aggiunta del batterista Simon Rydén alla combo composta dal vocalist Eric Ahlqvist, dal chitarrista Henrik Åkesson, dal bassista Robert Åkesson e dal tastierista Carl Ahlqvist.

L’album si apre con la title track “After The Rain” ed è subito AOR. Il melodic rock dei Wickman Road mescola influenze 70s ad un’impronta moderna, con ritornelli orecchiabili da sicuro successo radiofonico e coretti da imparare a memoria. Ma quello che veramente colpisce e tieni in piedi con sicurezza l’ensemble è senza dubbio la voce azzeccatissima di Eric Ahlqvist, che senza virtuosismi eccessivi si distingue per una timbrica calda e semplicemente giusta per il genere.
La successiva “Breaking Free” esordisce con un giro di tastiera in stile Abba (eredità pesante per ogni band svedese che si rispetti) che rimane la colonna portante dell’intera traccia, e così i brani successivi scorrono con tranquillità, su una pista rodata che non presenta particolari imprevisti di percorso.

All’ottima prova “I Can’t Wait Anymore”, forse una delle tracce più riuscite del disco, segue l’immancabile ballad “All Alone”, mentre la bella e orecchiabile “Home” anticipa “No Matter The Distance”, tipico brano da delusione amorosa ai limiti dell’eccessivamente zuccheroso, se non fosse per il piacere dell’ascoltare la bellissima voce di Ahlqvist.
Degna di nota anche la conclusiva “Time”, che mescola perfettamente il tocco di psichedelia da rock anni ’70 con un refrain moderno e quasi ballabile.

Arrivati alla fine di questo “After The Rain” si ha l’impressione di un lavoro coerente con se stesso, senza picchi di estro artistico, ma anche privo di scivoloni. I Wickman Road hanno messo nel mirino un genere musicale ben preciso e lo hanno centrato in pieno, forti di un frontman che potrebbe davvero portarli al successo.
Salite in auto e accendete la radio mentre guidate sereni verso un tramonto di inizio estate: i Wickman Road saranno la colonna sonora giusta per voi.

Country road through the autumnal forest

Voto recensore
6,5
Etichetta: AOR Heaven

Anno: 2016

Tracklist: Tracklist - 01.After The Rain 02.Breaking Free 03.I Believe In You 04.I Can’t Wait Anymore 05.All Alone 06.Couldn’t Find The Way 07.Home 08.No Matter The Distance 09.In A Minute 10.Now When You’re Gone 11.Time
Sito Web: https://www.facebook.com/WickmanRoad/

Ilaria Marra

view all posts

Braccia rubate alla coltivazione di olivi nel Salento, si è trasferita nella terra delle nebbie pavesi per dedicarsi al project management. Quando non istruisce gli ignari colleghi sulle gioie del metal e dei concerti, ama viaggiare, girare per i pub, leggere roba sui vichinghi e fare lunghe chiacchierate con la sua gatta Shin.

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Giulio B

    Giovani e di belle speranze questi Wickman Road. Esordio AOR di buonissima fattura. L’ho ascoltato 2 volte e devo dire che questi giovani SVEDESI hanno classe.
    Sono in linea con quanto leggo nella recensione ma trovo basso il voto. Io sono per un voto secco in +!
    Da seguire…..

    Reply

Rispondi a Giulio B Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login