Recensione: Worship Music

Voto
recensore

8,5

Voto
utenti

-

Recensione: Worship Music

Anthrax

Track Listing

01. Worship (Intro)
02. Earth On Hell
03. The Devil You Know
04. Fight 'Em Til You Can't
05. I'm Alive
06. Hymn 1
07. In The End
08. The Giant
09. Hymn 2
10. Judas Priest
11. Crawl
12. The Constant
13. Revolution Screams

Vota questo album:

Non manca davvero nulla per poter affermare che gli Anthrax sono tornati al top! Grande sound, velocità, groove e tanta melodia, una formula supportata in modo eccezionale da un Belladona che non ti aspetti.

“Whorship Music” è in poche parole l’album speed metal perfetto, un lavoro favorito evidentemente da una congiunzione astrale straordinaria che riporta il sound heavy classico a livelli a cui negli ultimi anni non eravamo più abituati.

Usiamo l’espressione heavy e speed metal perché ad un ascolto approfondito viene a galla come l’abbinamento di maiuscola melodia a praticamente ognuna delle tracce raccolte sia senza discussione accostabile  più correttamente al concetto di classic metal leggermente ammodernato che all’aggressività sparata a raffica che la scena thrash contemporanea sembra prediligere.

Basta ascoltare una traccia come “The Devil You Know”, supportata da un coro ultra-melodico e cantabile in grado di “spaccare” anche in un eventuale (molto eventuale) air play radiofonico, per capire quanto stia a cuore ai nuovi/vecchi Anthrax la possibilità di sfondare ogni barriera generazionale e colpire allo stomaco non solo i vecchi metaller attempati, ma anche i ragazzi più giovani conquistati dalla orecchiabilità di band come Avenged Sevenfold, Trivium e Disturbed.

In fondo queste formazioni hanno avuto il successo che li contraddistingue appoggiandosi non poco sull’esperienza di gruppi come gli stessi Anthrax. E ora che i nostri mosh kings possono finalmente incidere album con a disposizione tecnologia di suono elevate e l’attenzione dei mass media, beh, va constata onestamente la superiorità schiacciante dei vecchi Benante e Scott Ian sui loro giovani discepoli (senza parlare di un Rob Caggiano splendido anche nel ruolo di produttore).

A farla da padrone sono infatti non solo le perfezioni formali a cui bene o male la scena contemporanea ci ha abituati, ma la qualità senza eccezione delle composizioni.

“Fight ‘Em Til You Can’t” e “Earth On Hell” sono due tracce incredibilmente trascinanti, sostenute da ritmica massiccia e vocals armonizzate in modo perfetto da un Belladonna che appare incredibilmente maturato nell’espressività vocale. Ed è proprio il nostro ritrovato singer a fare un figurone in brani dall’incedere più controllato a dal respiro melodico esteso come la superba “I’m Alive” o la leggermente più moderna, teatrale e groovy “In The End”. Ma la pacchia non finisce qui, perché non da meno sono la compatta e ancora una volta ultra-melodica “The Giant” o la più oscura e alternativa “Crawl”, mentre l’unico brano che ci pare un riempitivo senza sostanza è la banale e fiacca “Judas Priest”.

Bando alle ciance, “Worship Music” è una prova convincente, una grande album che rafforza la posizione degli Anthrax nel ristretto gruppetto di eletti chiamato Big Four. Starà ora ai Megadeth mostrare di esser capaci di rispondere per le rime.

Altro...

16 Commenti

  1. Joe Slap

    Credo di aver ascoltato un altro disco.

    • maiden1976

      anche io!! questo album è a dir poco….penoso!!!

      • Riccardo Manazza

        Penoso! Addirittura! Io nella mia esperienza di negoziante sto invece ricevendo feedback entusiasti, sia in termini di copie vendute che di commenti positivi. Per me uno dei migliori dischi metal dell’anno in corso!

  2. maxx

    mah…per me si sono persi completamente. inascoltabile.

  3. Saetta McQueen

    concordo, l’album è pessimo.

    • Riccardo Manazza

      Ma in che cosa questo album sarebbe pessimo? Mi piacerebbe capirlo… E poi per carità, i gusti sono gusti, ma se un disco così è addittura inascoltabile, allora vorrei capire anche cosa mi è sfuggito di tanto migliore nell’ultimo lustro. E si che io dischi ne ascolto qualche centinaio all’anno…

      • Saetta McQueen

        ascolti cento dischi l’anno? e allora? che cosa vuol significare? che te sei esperto e gli altri no ? io ne compro (e sottolineo, COMPRO) all’incirca lo stesso numero l’anno (diciamo 7-8 cd in media al mese) da 21 anni, e allora ? ognuno ha i propri gusti e per me che sono cresciuto a pane e fistful of metal mi riesce un pò difficile pensare che questo album debba essere considerato un disco addirittura da 8,5. riascoltati la discografia del gruppo e forse ti ricrederai anche tu. e comunque, anche se a te piace, lasciami gentilmente la libertà di poter dire che a me fa letteralmente schifo, soprattutto dopo averci speso 16,50 €. grazie.

        • Riccardo Manazza

          Ehi, qualcuno ti ha negato la libertà di esprimere la tua opinione? I commenti sono moderati dal sottoscritto e avrei potuto farlo a mio piacimento, ma come vedi i tuoi commenti sono online. Ho solo chiesto spiegazioni costruttive, perché sono si un po’ infastidito nel leggere giudizi trancianti senza nessuna motivazione in aperta polemica con quanto ho scritto e spiegato. Un generico “Mi fa cagare” non è che sia di grande utilità dialettica e non è sicuramente quello che ci aspettiamo dal momento in cui sul sito abbiamo attivato i commenti. Ma vedo che la profondità di argomentazione non fa parte del tuo linguaggio, quindi non perdiamo ulteriore tempo a discutere e tante grazie per il tuo contributo. Ah, giusto per la cronaca. Il disco me lo sono comprato pure io, perché a noi di certo non li regalano e di cd/lp originali ne possiede oltre 8000. In più anch’io io sono cresciuto con “Fistful Of Metal” e tutti i classici del genere visto che ho cominciato ad ascoltare metal 26 anni addietro. Tutto uguale, solo che io tendo a spiegare le mie opinioni, tu a venire qui con un generico “Mi fa schifo” e pretendere anche che nessuno abbia nulla da obiettare. Who died and made you god?

          • Saetta McQueen

            quando un album di uno storico gruppo thrash ti fa sbadigliare durante l’ascolto e ti fa desiderare di arrivare in fretta all’ultimo secondo servono ulteriori argomentazioni?

            tra l’altro, non capisco che cosa avresti dovuto moderare nel mio intervento, non mi sembra di aver offeso qualcuno. però, come puoi leggere, non c’è un solo commento che sia concorde con il tuo punto di vista. mi sa che quest’album è piaciuto solo a te e pochi altri, e in effetti in giro non si leggono recensioni entusiastiche.

            a me fa schifo, lo ribadisco. ho buttato i miei soldi. tante aspettative per ascoltare poi tracce di una piattezza e banalità disarmante.

          • Riccardo Manazza

            Sei tu che mi hai accusato di non voler lasciarti la libertà di dire la tua opinione… ho solo precisato che in tutta evidenza non era così. Io conosco un bel numero di persone a cui il disco è piaciuto e se leggi bene anche qui qualcuno ha scritto che il disco non gli è dispiaciuto per nulla. Ma credo che farsi forza della propria opinione dicendo che gli altri sono d’accordo non sia un buon metodo. Sinceramente se anche il disco al mondo fosse piaciuto solo a me non me ne preoccuperei e continuerei a spiegare il perché la vedo in un certo modo.
            Tu mi dici solo che il disco fa schifo perché… fa schifo.
            Rispetto la tua opinione di fan e acquirente, ma proprio con chi ha tanta esperienza e passione alle spalle mi piacerebbe avere un confronto più approffondito e costruttivo.
            Ma mettiamola così, io ho un disco in più che mi piace da ascoltare e sono ben contento… del resto non è che mi interessi poi molto ;D

  4. Simone

    Non l’ho trovato epocale, ma secondo me è un 7,5 onestissimo!
    E l’aggettivo non è casuale: i Metallica sono su un altro pianeta da 20 anni, i Megadeth o si autoplagiano o sono inascoltabili, gli Slayer ormai suonano -core…gli Anthrax dimostrano, da almeno 4 album, che il thrash è vivo e può evolversi.

  5. Saetta McQueen

    scusami Riccardo, ma ha i letto i commenti ?

    oltre al tuo, che sei il recensore, quindi direi di non contarlo, ce ne sono 5 e 4 sono a dir poco negativi. solo per Simone l’album è da 7,5.

    tu dici di volere un confronto costruttivo ma poi scrivi riferendoti a me:

    “Ma credo che farsi forza della propria opinione dicendo che gli altri sono d’accordo non sia un buon metodo. ”

    allora la domanda nasce spontanea: sai contare ?

    • Riccardo Manazza

      Sorry, ma non ho davvero alcun interesse a continuare il discorso nei termini in cui l’hai impostato. Ti piace pensare di aver ragione e che il popolo sia con te? Allora va bene così!

  6. beast

    Secondo me gli anthrax è dal 1990 che non fanno più thrash. Questo album non è male, ovviamente non è thrash ma ne contiene solo qualche spunto. Io lo avvicino un po’ nella sostanza a “Sound Of White Noise”. Non è verosimile aspettarsi che gli anthrax nel 2011 producano un altro Fistful. Io gli do un buon 7

  7. beast

    devo però ammettere che fight ‘em ’till you can’t nel riffone iniziale ricorda un po’ troppo “…it’s a long time, long time coming…”

  8. Finalmente sono riuscito ad ascoltarlo come si deve…grande album, alla facciazza dei commenti qui sopra!!!

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login