Mind’S Eye – Recensione: Walking In H20

Un lunghissimo concept sull’evoluzione dell’uomo, una virata stilistica sorprendente verso il prog più raffinato, una crescita compositiva esponenziale… ma cosa è successo in questi quattro anni di inattività alla band svedese? Ridotta a trio la formazione i Mind’s Eye sembrano aver trovato l’amalgama perfetta per uscire dal ruolo di gruppo preparato tecnicamente ma perennemente insoddisfacente nel feeling e nell’elaborazione delle melodie. Dopo la classica intro infatti arriva subito un brano da manuale: ‘A Rabbit In The Hat’ lascia a bocca aperta, non tanto per l’originalità (oggettivamente inesistente), ma per la inattesa capacità di far fruttare le influenze di una vita in modo finalmente convincente. Non c’è dubbio infatti che band come Dream Theater, Spock’s Beard e famiglia siano una bella fonte d’ispirazione per i nostri, ma siamo per fortuna lontanissimi dal plagio. Probabilmente perché i Mind’s Eye cercano di andare direttamente alla radice, assumendo come proprie le tipicità del genere e cercando una via espressiva conforme alle loro specifiche caratteristiche di band. E’ così che un brano come ‘Equally Immortal’ diventa la scusa per far impazzire l’ascoltatore con momenti avvicinabili ai Pain Of Salvation più melodici, altri in cui verrebbe da rivolgersi gli Enchant e arrangiamenti vocali che non possono non far pensare agli Spock’s Beard. Ma nel corso dell’album si potrebbero andare a prendere ad esempio anche classici come E.L. & P., Kansas o Yes, oltre ai perennemente fondamentali Genesis. Ovviamente si tratta di piccoli rimandi che assumono sembianze più moderniste e spesso di più semplice assimilazione (in alcuni momenti si sfiora il pomp-melodic-rock). Ed questa la vera sorpresa dell’album, visto che in precedenza la band risultava poco efficace proprio in questo settore che adesso sembra dominare con estrema sicurezza. Un piccolo capolavoro di genere che permetterà probabilmente ai Mind’s Eye il salto di qualità tanto cercato in questi anni.

Voto recensore
8
Etichetta: Lion Music / Frontiers

Anno: 2006

Tracklist: 1. 01. Earth - The Movie
02. A Rabbit In The Hat
03. Equally Immortal
04. Mrs. Clair Voyance
05. Sahara In An Hourglass
06. Out Of My System
07. Umbrellas Under The Sun
08. Sacred Rules
09. The Nazca Lines
10. Flight Of The An.Unna.Ki (instrumental)
11. Heal My Karma
12. When I Whisper

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login