Amputated – Recensione: Wading Through Rancid Offal

Secondo full lenght per la band inglese Amputated, uscito questo mese per l’etichetta americana Sevared Records. Questo “Wading Through Rancid Offal”, non sembra dire niente di nuovo, solite tematiche gore/porno/maciullamenti vari, soliti elementi musicali: batteria tirata alternata a pezzi lenti, un pò come vuole lo slam, riff ignoranti,cambi di tempo e voce animalesca. Sembra proprio che il punto di forza della band sia nella capacità di cambiare sonorità vocali da parte del frontman. E’ presente molto pig noise, infatti sembra venire esplorata ogni possibile estensione dei suoni da porcile (tant’è che la prima song si intitola “Slam Pig”), frog noise, nonchè qualsiasi altra voce che non sia di un bipede umano.Rimangono nel clichè anche per quanto riguarda la presenza di intro per ogni canzone, quindi anche su questo fronte nulla di nuovo. I riff seppure basilari e, come ho detto in precedenza, ignoranti hanno quel vago rimando alla vecchia guardia che va tanto di moda in questo periodo. Spiazza un pò come termina “Projectile Beer Vomit”, la quale conclude piuttosta malamente, troncata in un momento poco idoneo, ma in generale le conclusioni e le cadenze non sambrano venire bene alla band. Per una questione di gusti personali, non mi entusiasma nemmeno il suono usato per la batteria, essendoci un drummer vero, mi aspettavo dei suoni più realistici e meno da drum machine. Insomma, per concludere, nulla di nuovo, il quintetto è andato sul sicuro, sicuramente piacerà agli amanti dello slam, del gore, chi non vuole complicarsi l’ascolto e in generale chi apprezza la musica da ballo della scimmia.

Voto recensore
6
Etichetta: Sevared Records

Anno: 2009

Tracklist:

01.Slam Pig

02.Dripping Ovipositor

03.Psycho-Doctrinal Lobotomization

04.Projectile Beer Vomit

05.Repugnant Genital Deformity

06.Uterus Swollen with Festering Putrescence

07.Cunt Like a Sewer

08.Wading Through Rancid Offal

09.Regenerate the Carnifex


Sito Web: http://www.myspace.com/amputateduk

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login