Vision Of Atlantis – Recensione: Wanderers

“Wanderers” rappresenta la sublimazione di quel genere che possiamo denominare “Symphonic Romantic Metal”. Il settimo album degli austriaci Vision of Atlantis arriva poco più di un anno dopo l’eccellente “The Deep & The Dark”, e ne rappresenta una prosecuzione più sognante e solare. Il tutto è ben rappresentato da una copertina che narra di avventure romantiche, fantastiche e struggenti, che ha come protagonisti, un uomo che tiene tra le sue braccia la sua compagna e guarda verso un incerto ma illuminatissimo orizzonte.

E questo disco non è altro che la rappresentazione in musica di un rapporto sentimentale a due, ambientato in situazioni fantasy e molto cinematografiche. Il supporto strumentale sta in sottofondo, le melodie sono ampie e molto immediate (la forma canzone viene sempre rispettata, variando tra i tre minuti abbondanti ed i cinque minuti scarsi, con l’eccezione dell’elegante opener “Release My Symphony”) ed i veri protagonisti sono la voce operistica e angelica di Clémentine Delauney ed il timbro potente e stentoreo del nuovo acquisto, l’italianissimo Michele Guaitoli (Overture, Kaledon, Temperance), e il legame che si crea nei loro frequentissimi intrecci melodici. Il “duetto amoroso” funziona molto bene ma il mastermind e batterista Thomas Caser, a volte dovrebbe rischiare un po’ di più, non lasciando alla sola Delauney le canzoni più lente e cercare di amalgamare ulteriormente le due voci. I riferimenti esterni sono limpidissimi, e si rispecchiano nei Nightwish più melodici e nei connazionali e sottovalutati Edenbridge, ed i limiti sono in un eccesivo uso di tempi medi che spesso possono dare una sensazione di ripetitività e monotonia, che si oppongono però a ritornelli molto efficaci e fusi ad una intensità emozionale sicuramente “speciale”, che oggi rappresenta la caratteristica peculiare del sound dei Vision of Atlantis.

“Non tutti quelli che vagano sono perduti”. In questa citazione del celeberrimo J.R.R Tolkien si nasconde il senso profondo che viene espresso dalle note calde e avvolgenti delle undici canzoni contenute in “Wanderers”. Un viaggio che affascinerà molte anime romantiche, un ascolto che vale la pena di essere affrontato, un disco emozionante, anche nella sua assoluta imperfezione.

Etichetta: Napalm Records

Anno: 2019

Tracklist: 01.Release my Symphony 02.Heroes of the Dawn 03.Nothing Lasts Forever 04.A Journey to Remember 05.A Life of Our Own 06.To the Universe 07.Into the Light 08.The Silent Scream 09.The Siren & The Sailor 10.Wanderers 11.At the End of the World
Sito Web: https://www.facebook.com/visionsofatlantisofficial/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login