Header Unit

Venom Inc. – Recensione: Avè

Prima di parlare di “Avè”, debut album dei Venom Inc., una doverosa premessa viste le ovvie continuità con i colossi di Newcastle, di cui rappresentano, possiamo dirlo senza azzardi, uno sdoppiamento. La band si origina nel 2015 e comprende la line-up di fine ‘80/inizio ’90, quella del periodo di “Prime Evil”, “Temples Of Ice” e “The Waste Lands”, tre album che in tutta onestà, difficilmente rientrano nella memoria collettiva dei fans. Abbiamo dunque Mantas alla chitarra, Abaddon alla batteria e Tony “Demolition Man” Dolan alla voce e al basso. I Venom veri e propri restano invece legati a Cronos, tornato in scena due anni fa con il buon “From The Very Depths”, di cui “Avè” è la risposta.

All’ascolto dell’album possiamo comunque fugare i dubbi relativi a un’operazione nostalgia e i timori di avere a che fare con un platter debole. “Avè” è un disco di metal classico con tuffi nel panorama estremo riletto in chiave contemporanea, con suoni moderni e piccoli azzardi in mondi musicali non propriamente N.W.O.B.H.M. come si evince dal singolo “Dein Fleisch”, che certo non disdegna un alone atmosferico dal flavour industrial. Onestà e un forte entusiasmo nel progetto sono le impressioni che subito emergono fin dalle prime note di questa diabolica entità.

L’album vanta una produzione al passo con i tempi e impeccabile, già evidente nell’opener “Ave Satanas”, un funereo mid tempo valorizzato dall’ugola ruvida e potente di Demolition Man, dalle cascate di riff di Mantas e dal drumming tellurico di Abaddon. Notiamo come il refrain sia fiero e coinvolgente, a dimostrazione di come la band mantenga una certa orecchiabilità e ricorsi a un rock grezzo e genuino che ci fa pensare immediatamente ai Motörhead e ai Raven. Ancora più chiaro nelle successive “Forged In Hell” e “Metal We Bleed”, dall’appeal decisamente più classico e che mettono sul piatto l’esperienza Venom/M-pire Of Evil.

Il platter resta dunque legato a sonorità tradizionali, ma si evince una certa varietà e un riadattamento delle stesse. Abbiamo già citato il mood misterioso di “Dein Fleisch”, ma dobbiamo considerare anche il corpus thrash e al fulmicotone di “Time To Die” e “I Kneel To No Gods”, due perfetti esempi di come i nostri sappiano ancora pestare duro e farlo bene. Perdoniamoli dunque se “War” propone qualche citazione di troppo ai Venom dei tempi d’oro e arriviamo al succulento finale con “Black N Roll”, un vero inno dove tutta l’essenza è contenuta già nel titolo.

“Avè” è un disco credibile e potente, certo un buon punto di partenza per i Venom Inc., che non danno l’impressione di essere soltanto un ripiego. Headbangers, fatevi avanti.

Voto recensore
7
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2017

Tracklist: 01. Ave Satanas 02. Forged In Hell 03. Metal We Bleed 04. Dein Fleisch 05. Blood Stained 06. Time To Die 07. The Evil Dead 08. Preacher Man 09. War 10. I Kneel To No God 11. Black N Roll
Sito Web: http://www.venom-inc.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login