Seven Gates – Recensione: Unreality

Giunge la consacrazione su CD anche per i Seven Gates, altra band italiana ad approdare alla corte della brasiliana Megahard. ‘Unreality’ è un discreto CD di power-prog meal, con molta attenzione al mercato attuale. Intendo dire che su demo la band si era espressa con uno stile decisamente più vicino al prog; ora un certo avvicinamento nei confronti dell’ immediateza è presente. E’ possibile riscontrare, nel sound dei Seven Gates, echi di Angra e Labyrinth. I corettoni sono ben sostenuti da tastiere onnipresenti, mentre le chitarre svolgono un lavoro di cesello con estrema cura. L’impronta degli Zenith studio è ben presente e la pulizia del sound riecheggia le soluzioni utilizzate per le tante band passate sotto le mani dello stesso produttore, Frank Andiver. I brani più incisivi risultano, a mio avviso l’opener velocisima ‘Forever With Me’ e la potente ‘Battle Of Britain 1940 – Spitfires Crossing’. Di certo nell’ascolto del CD colpisce una certa assenza di particolari picchi emotivi che relegano l’album fra i “tanti del genere”, ossia quel power-symphonic-speed che in Italia ha furoreggiato i questi ultimi anni. Simpatica la bonus track fantasma… un rockettone registrato per scherzare un po’. Diciamo che ‘Unreality’ è soprattutto un album per amanti delle sonorità indicate. Gli altri possono tranquillamente astenersi.

Voto recensore
6
Etichetta: Megahard

Anno: 2002

Tracklist: Beyond The Gates
Forever With Me
Shadows...
Prisoner In Your Mind
Mysterious Gods
Battle Of Britain 1940 - Spitfires Crossing
On The Moon
Lords Of The Nights
Lament Of The Sins
Unreality
Download (Bonus Track)

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login