Unleashed – Recensione: No Sign Of Life

Gli Unleashed stanno vivendo una seconda giovinezza. La band, che resta fra le più sottostimate tra quelle emerse dalla scena death svedese degli anni ’90, mostra infatti da tempo uno stato di forma invidiabile, sia in studio che live. Il suo nuovo lavoro “No Sign Of Life” replica in positivo quanto già visto tre anni fa, in occasione dell’uscita dell’ottimo “The Hunt For White Christ”.

Un disco tiratissimo, che condensa le proprie 11 tracce in meno di 40 minuti di durata. La sarabanda infernale orchestrata da Johnny Hedlund si muove fra ritmiche forsennate e riff ultra-taglienti: gli unici stacchi sono dominati da melodie tetre e inquietanti. E quando i pezzi non spingono troppo sull’acceleratore, sono governati in ogni caso da un ché di diabolico.

The King Lost His Crown” e “The Shepherd Has Left The Flock” non lasciano un attimo di respiro. “Where Can You Flee?” e “You Are The Warrior!” rallentano, ma mantengono inalterato il tasso di cattiveria e malignità che contraddistinguono questo album. E dopo l’esplosione della title track, nemmeno il lungo finale strumentale di “Here At The End Of The World” può apparire rasserenante.

No Sign Of Life” è un titolo altamente simbolico, un filo conduttore con quel “Where No Life Dwells” che rappresenta il primo, inarrivabile capolavoro degli Unleashed. Un cerchio che si chiude dopo 30 anni esatti, ma che lascia ben sperare per i prossimi passi di una band assolutamente ispirata, che di pensione proprio non ne vuol sentir parlare.

Etichetta: Napalm Records

Anno: 2021

Tracklist: 01. The King Lost His Crown 02. The Shepherd Has Left The Flock 03. Where Can You Flee? 04. You Are The Warrior! 05. No Sign Of Life 06. The Highest Ideal 07. Midgard Warriors For Life 08. Did You Struggle With God? 09. Tyr Wields The Sword 10. It Is Finished 11. Here At The End Of The World
Sito Web: https://it-it.facebook.com/unleashed/

matteo.roversi

view all posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login