Forgotten Tomb – Recensione: Under Saturn Retrograde

“Under Saturn Retrogade”, quinto studio album degli emiliani Forgotten Tomb, ci consegna una band dalle potenzialità senza dubbio positive, un ensemble che una volta di più sembra aver compiuto un passo nell’evoluzione del proprio sound, legato sempre all’immaginario doom/black degli esordi ma che non esula da soluzioni melodiche differenti e in questo caso più accessibili. Il sound monolitico e compatto non viene meno, ma già come fu per “Negative Melgalomania”, esso si diversifica abbracciando melodie sensuali, complice forse la produzione di Mika Jussila, che dona al lavoro un tocco di modernità. E una volta di più i Forgotten Tomb lasciano entrare degli spiragli di luce in un quella cappa di fumo nero, senza rinunciare alla propria essenza ma proseguendo nel cammino della maturazione, per quanto dodici anni di attività e i consensi raccolti fino ad oggi, non siano certo da trascurare. Segnali di questo percorso che al momento pare cangiante, sono “Joyless”, un brano dall’andamento doom tradizionale ma con un tocco in stile “british” a chiamare in causa My Dying Bride e Anathema, la stessa cover di “I Wanna Be Your Dog” degli Stooges, che i piacentini rivedono con personalità senza rinunciare alla natura originale del brano e ancora l’utilizzo più cospicuo ma non invasivo delle parti acustiche e di una voce pulita molto più convincente che in passato. La granitica “Shutter” e la conclusiva “Spectres Over Venice”, nelle sue misteriose ricercatezze melodiche, sono segnali di come la band sia in ottima forma.

Voto recensore
7
Etichetta: Agonia / Masterpiece

Anno: 2011

Tracklist:

01. Reject Existence
02. Shutter
03. Downlift
04. I Wanna Be Your Dog (The Stooges cover)
05. Joyless
06. Under Saturn Retrograde Part I
07. Under Saturn Retrograde Part II
08. You Can't Kill Who's Already Dead
09. Spectres Over Venice


Sito Web: www.myspace.com/darknessinstereo

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login