Tyketto – Recensione: Reach

Signore e signori, eccoci davanti a quello che, secondo il modesto parere di chi scrive, è il disco di hard rock melodico dell’anno. C’era tanta attesa per la nuova uscita dei Tyketto a 4 anni di distanza dal loro graditissimo ritorno discografico con il buon “Dig In Deep”, arrivato dopo un lungo silenzio; c’era però anche un po’ di apprensione, dal momento che il quinto album d’inediti della band newyorkese sarebbe stato il primo senza il validissimo chitarrista Brooke St. James. Diciamo subito che possiamo abbandonare qualsiasi diffidenza, dato che il presente “Reach” è una release coi fiocchi.

La opener e title track spazza subito via ogni timore grazie alla sua splendida melodia, vincente fin dal primo ascolto, interpretata con passione e delicatezza dalla meravigliosa voce di Danny Vaughn. I nostri ci dimostrano però che non ci sanno fare solo con le melodie avvolgenti, ma anche con uno stile più ruvido e dinamico: le successive “Big Money” e “Kick Like A Mule” sono infatti fulgidi esempi di un hard rock sanguigno, sbarazzino e dall’attitudine stradaiola. I die-hard fan delle canzoni più dolci comunque non si preoccupino, poiché “Circle The Wagons” a seguire riporta immediatamente in primo piano un approccio emotivo e d’atmosfera.

Il nuovo chitarrista solista Chris Green ci dimostra quindi con i fulminanti riff e assolo della trascinante “I Need It Now” che non poteva esserci sostituto migliore di lui per rimpiazzare Brooke St. James, mentre l’elettrica “Tearing Down The Sky” e la coinvolgente ballad “Letting Go” continuano ad alimentare il disco con qualità e varietà. Grazie alla southernRemember My Name”, dotata dell’ennesimo refrain invincibile, e alla scoppiettante “Sparks Will Fly” l’album guadagna pure in eclettismo, arrivando alla propria conclusione sancita dalle ariose chitarre acustiche di “The Run” senza incappare in alcun momento sottotono.

Dopo un ritorno nel 2012 discreto, ma che aveva forse un po’ tradito le enormi aspettative, e l’abbandono di un fondamentale membro della line up originale, era forse lecito aspettarsi dai Tyketto un nuovo platter di buon livello, ma non certo eccezionale. Danny Vaughn e compagni hanno invece deciso di stupirci e, magari proprio perché non così sotto pressione come alcuni anni or sono, se ne sono usciti con un lavoro fresco e appassionante come pochi. “Reach” è un disco composto e suonato benissimo, che farà la felicità di tutti i fan delle canzoni melodiche e dirette, ma al contempo squisitamente raffinate.

Tyketto - Reach

Voto recensore
8,5
Etichetta: Frontiers Muisc

Anno: 2016

Tracklist: 01. Reach 02. Big Money 03. Kick Like A Mule 04. Circle The Wagons 05. I Need It Now 06. Tearing Down The Sky 07. Letting Go 08. The Fastest Man Alive 09. Remember My Name 10. Sparks Will Fly 11. Scream 12. The Run
Sito Web: https://www.facebook.com/Tyketto-The-Official-272013509510636/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login