Two Of A Kind – Recensione: Rise

Si erano perse le speranze di vedere un follow up all’eccellente debutto dei Two Of A Kind, datato 2007. La band nasceva da un’idea di Fred Hendrix, leader dei Terra Nova, assieme a suo fratello Ron e – complici non solo ma anche le voci di Esther Brouns e Anita Craemher – si richiamava esplicitamente alle Heart, aggiungendo di suo iniezioni di pomp rock che rendevano la proposta decisamente interessante ed efficace.

A undici anni di distanza, “Rise” presenta sonorità più asciutte e ahimé meno personali, non riuscendo a mantenere le aspettative di chi aveva apprezzato l’esordio della band. Intendiamoci, qualcosa di buono c’è, ma la sensazione è che i Two Of A Kind facciano un compitino, senza riuscire a convincere se non sporadicamente: l’album finisce per risultare a lunghi tratti un poco ispirato esercizio di stile. Fanno eccezione i richiami settantiani di “Wheel Of Life”, con un giro di basso di Fred Hendrix decisamente groovy, la solare title track, la leggera e diretta “Without You” e la bucolica “Run Girl”, posta in chiusura e forse la cosa migliore di tutto “Rise”. Troppo poco per considerare questo secondo album all’altezza del primo, pochino anche rispetto alle buone e ottime uscite su cui fortunatamente il genere può contare in questi ultimi anni.

Voto recensore
5,5
Etichetta: Frontiers Records

Anno: 2018

Tracklist: 01. Here Is The Now 02. Rock Your World 03. Wheel Of Life 04. Naked 05. Rise 06. Touch The Roof 07. Higher 08. Alienation 09. It Ain’t Over 10. Without You 11. Run Girl
Sito Web: https://www.facebook.com/twoofakindmusix/

giovanni.barbo

view all posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login