Tungsten – Recensione: We Will Rise

Il Tungsteno è un metallo di transizione, duro e pesante, di colore da bianco a grigio-acciaio, e il celeberrimo batterista Anders Johansson (per citare solo le sue collaborazioni più importanti: Malmsteen, Hammerfall ed ora i Manowar) nel 2016 decise che poteva essere un buon nome per una nuova band che fosse qualcosa di nuovo e diverso dal solito, oltre ad essere “un affare di famiglia”. L’unicità infatti sta nell’aver arruolato, oltre al cantante e vecchio amico Mike Andersson (Cloudscape, ex Planet Alliance, Fullforce), i due giovani eredi e figli Nick alla chitarra e Karl al Basso.

 

 

Il progetto è certamente nelle mani compositive dei “ragazzi” Johansson, infatti non ci troviamo davanti un hard rock classic, oppure un metal di maniera, ma un autentico minestrone di generi, che punta a raggiungere un pubblico giovane e variegato

Se l’elemento più canonicamente “metal” sta nella voce poderosa e pulita di Andersson, il resto vive su ritmiche marziali vicine ai Rammstein, con tanto di chitarre ribassate e qualche growl sporadico, ma il tutto viene edulcorato da tastiere molto “ammicanti” e ritornelli quasi sempre super immediati e debitori ad un certo folk tipicamente nordico, quasi malinconico. Non dimentichiamo qualche doveroso tributo (in “Misled” o “Wish Upon a Star”) ad un hard rock molto melodico, svedese fino al midollo e totalmente anni ottanta, con palesi riferimenti a Europe e Treat.

 

 

“We Will Rise” è un dischetto fresco, ben prodotto (a volte fin troppo pulito e costruito) e certamente un pò furbetto, dove non tutto è riuscito o di buon gusto, ma va apprezzato il tentativo di svecchiare un genere e portarlo nel futuro, grazie alle melodie accattivanti e contagiose della title track, di “The Fairies Dance”, “As I’m Falling” e “Impolite”.

Le parti aggressive a volte sembrano posticce e quasi infilate a forza, in un esordio interessante ma sicuramente molto “poppeggiante”. Rivedremo i Tungsten alla prova del nove dal vivo, i concerti ci diranno se sono una band “vera” oppure solo un progetto studiato a tavolino.

Etichetta: Arising Empire

Anno: 2019

Tracklist: 1. We Will Rise 2. Misled 3. The Fairies Dance 4. Coming Home 5. It Ain't Over 6. As I'm Falling 7. Sweet Vendetta 8. Animals 9. Remember 10. To The Bottom 11. Impolite 12. Wish Upon A Star
Sito Web: https://www.facebook.com/tungstenband/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login