Therapy? – Recensione: Troublegum

Ci sono capolavori che emergono dall’oblio quasi per caso. Basta un singolo fortunato ed improvvisamente si ritrovano in ogni negozio, permettendo a chiunque di fruire anche delle altre gemme presenti nel disco. L’esempio massimo e’ stato forse ‘Appetite For Destruction’, in cui solo l’heavy rotation guadagnata da ‘Sweet Child O’ Mine’ ha aperto le porte del mercato.

Arrivando al 1994 tocca agli irlandesi Therapy? ed al singolo ‘Nowhere’ ripercorrere la stessa sorte. Un singolo che li ha elevati da poco piu’ di una band di culto, gia’ autrice dell’ottimo ‘Nurse’ comunque, a gruppo di successo praticamente planetario. Ma questo ‘Troublegum’ non e’ assolutamente il classico disco da one-hit-and-go, essendo praticamente un compendio di quanto meglio prodotto da quel punk-hard-rock che spopolava alla meta’ del decennio scorso.

Il trittico iniziale mette subito le cose in chiaro: ritmiche serrate, chitarre secche e batteria sempre presente ad accompagnare un cantato istrionico che tratta temi esilaranti.

My girlfriend says that I’m confused / My boyfriend says that I’m bad news, ma anche l’ammissione di Masturbation saved my life oppure l’ironia acida di Your car salesman smile says it all / You just wanna be Jesus without the suffering rendono in pieno l’idea di una band che diverte ma che sa anche divertirsi.

La seconda parte e’ piu’ cupa, quasi meditativa, con l’ottima cover dei Joy Division di ‘Isolation’ e i rallentamenti di ‘Turn’, prima delle nuove accelerazioni finali. Ne esce un disco sicuramente patinato e di facile ascolto, ma uno di quei lavori che non hanno letteralmente eta’ e che non stancano mai. Il capolavoro assoluto di una band comunque sempre su livelli molto elevati.

Etichetta: A&M

Anno: 1994

Tracklist: 01. Knives
02. Screamager
03. Hellbelly
04. Stop It You're Killing Me
05. Nowhere
06. Die Laughing
07. Unbeliever
08. Trigger Inside
09. Lunacy Booth
10. Isolation
11. Turn
12. Femtex
13. Unrequited
14. Brainsaw

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login