Tim Feehan – Recensione: Tracks I Forgot About

Le canzoni di cui il cantante/songwriter Tim Feehan ‘si era dimenticato’ hanno un’origine temporale ben precisa, ovvero gli (ancora loro?) anni ottanta del rock radiofonico statunitense.

Di certo non manca la varietà: dall’hard-boogie alle atmosfere bubble-gum da colonna sonora di film adolescenziale, senza trascurare l’arena-rock o la ballata vagamente nostalgica, è possibile trovare di tutto un po’, finendo con l’avere la consapevolezza, data la produzione chiaramente a livello ‘demo deluxe con drum machine’, di avere a che fare con un patchwork di fondi di magazzino, piuttosto che un progetto dalla precisa identità.

Pochi gli episodi da segnalare: ‘Love Junkie’ e ‘Caught In The Middle’, fatte le debite proporzioni, ricordano il Jeff Paris sospeso tra a.o.r. croccante e Def Leppard di ‘Lucky This Time’, ‘Call Of The Wild’, intro avulsa dal contesto della canzone a parte, volge in pop l’adescante scuola Survivor, mentre ‘Gates Of Heaven’ vola sulle ali di cori che rimandano ai Tour De Force… Il resto galleggia senza infamia e senza lode limitandosi a fare numero, suscitando la temuta sensazione di ‘già sentito’.

Voto recensore
5
Etichetta: MTM / Frontiers

Anno: 2003

Tracklist: 01.Love Junkie
02.Caught In The Middle
03.Call Of The Wild
04.You Gott aLOve That
05.Dive
06.Temporary Insanity
07.Don't Need An Invitation
08.Gates Of Heaven
09.You Still Breathe
10.Even If It Hurts
11.Save Your Honey
12.Forever Mine
13.Mind Over Matter
14.Frustrated

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login