To Those In The Eyes Of God

Voto
recensore

7

Voto
utenti

-

To Those In The Eyes Of God

The Pott

Track Listing

  1. 01. The Hollow
  2. 02. Prison Of Social Conformity
  3. 03. Showing Muscles
  4. 04. Intimacy
  5. 05. Sick
  6. 06. The Lost Of Pretending
  7. 07. In This Hole
  8. 08. Alice
  9. 09. SBV

Vota questo album:

Ottimo asso nella manica per la Sinusite Records che con i piemontesi The Pott fa centro dando spazio ad un genere musicale ancora poco conosciuto, poco suonato ma molto raffinato ed estremamente introspettivo. Con un misto di Industrial, Progressive Rock, Rock Sperimentale e chi più ne ha più ne metta, il The Pott ci portano in un mondo escheriano fatto di note che si moltiplicano, strumenti che si intrecciano, generi che si intessono su una base variabile, sofisticata ed intellettuale. “To Those In The Eyes Of God” è un prodotto complesso, ben studiato e con una classe e un’accuratezza da troppo tempo carente nella musica nostrana e non. Malgrado le tracce siano soltanto nove, siamo di fronte ad una grossa varietà musicale con così tante sfumature da renderla completa nel suo insieme. Decisamente influenzati dai Tool, con qualche spruzzata di Korn e moltissima personalità, i The Pott iniziano questo percorso di dove tracce con “The Hollow”, la cui bellezza sta nell’antitesi fra intro, decisamente ambient, e uno sviluppo decisamente rock (il cui giro melodico ricorda moltissimo i Red Hot Chili Peppers) con un riff aggressivo e una voce graffiante, misteriosa e scostante. Se normalmente di fronte ad un album dopo la prima traccia possiamo, a tratti, immaginare lo sviluppo di ciò che musicalmente segue, ciò non accade con i The Pott che giocano l’effetto a sorpresa su ogni canzone, lasciando sempre di stucco e con il dubbio su cosa potrà esserci dopo. “Intimacy”, qui rielaborata, porta in un’atmosfera anni’80 fatta di rock, Depeche Mode, grunge e un qualcosa di indefinito che, però, risulta essere la chiave che apre tutte le porte. “SBV”, riallacciandosi allo stile ambient dell’intro di “The Hollow”, chiude questo full lenght di tutto rispetto.

I The Pott sono una band assolutamente meritevole, rara nell’ambiente musicale odierno, ma forse ancora poco conosciuta perchè poco immediata. La musica che propongono è decisamente superiore a tutto ciò che siamo abituati ad ascoltare, a tratti di difficile comprensione, ed è una continua sfida verso chi ascolta. Malgrado la loro complessità, consiglio a tutti più di un ascolto di questo bellissimo ed eclettico “To Those In The Eyes Of God”.

2 Commenti

  1. Dell’influenza Tool si poteva dedurre anche dalla cover! Sembrano interessanti…

  2. Sono interessanti! ;)

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login