Gamma Ray – Recensione: To The Metal

“Chi si contenta gode”, recita un adagio popolare vecchio come il mondo. In fondo che la band di Kai Hansen non avesse molto da aggiungere a quanto fatto in passato era piuttosto chiaro da qualche anno e le premesse suscitate da un singolo scontato all’inverosimile come “To The Metal” non erano certo entusiasmanti. Ad ascoltarlo per intero invece il nuovo disco regala ancora qualche buona sensazione, anche se miscelata a cadute preoccupanti. A funzionare sono soprattutto i brani più tradizionali, costruiti sulla velocità d’esecuzione e la melodia dei ritornelli, come “Time To Live”, “Chasing Shadows” e “Deadlands”. Prevedibile, ma sempre coinvolgente, la parziale reunion con Michel Kiske, che affianca Hansen nella articolata cavalcata speed metal stile vecchi Helloween rappresentata da “All You Need To Know”. Pollice in alto anche per un brano più oscuro e darkeggiante, che può ricordare nella strofa qualcosa del Dickinson solista, come “Empathy”. Davvero poco entusiasmante è invece la citata, esageratamente priestiana, “To The Metal” (una riedizione senza troppo ritegno di “Metal God”, abbinata a “Defenders Of The Faith”) e fuori contesto la scontata ballata “No Need To Cry”. Senza infamia né lode il resto, quasi ad allungare un tema che rischiava di esaurirsi troppo velocemente. Non c’è spazio per grandi entusiasmi, ma rimane abbastanza sostanza per ritenere i Gamma Ray una band ancora in sella, in grado di sostenere il proprio ruolo di big del melodic power metal. Può anche andare bene così.

Voto recensore
6
Etichetta: EarMusic / Edel

Anno: 2010

Tracklist:

01. Empathy

02. All You Need To Know

03. Time To Live

04. To The Metal

05. Rise

06. Mother Angel

07. Shine Forever

08. Deadlands

09. Chasing Shadows

10. No Need To Cry


Sito Web: http://www.myspace.com/gammaraymyspace

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login