Ysengrin – Recensione: To Endotaton

“To Endotaton” è la terza opera sulla lunga distanza dei francesi Ysengrin, un lavoro che riassume l’essenza sonora dell’act transalpino, una miscela tra doom metal e black melodico raccolto in un’unica suite di oltre quaranta minuti. Da un punto di vista musicale “To Endotaton” appare chiaramente ispirato dagli act di metal esoterico più popolari (possiamo citare i primi Death SS, Necromass e Mortuary Drape come principali fonti di influenza) e nella sua durata bilancia con disinvoltura sfaccettature vicine al doom anni ’80, con cupi rallentamenti e riff granitici, ma anche esplosioni di rabbia in chiave black, che spesso intervengono durante l’ascolto. Ecco dunque che “To Endotaton” vive di continui chiaroscuri, dettati da improvvisi break melodici che giungono a mitigare la facciata più squisitamente estrema. In tutto questo la voce di Saint Roch alterna ovviamente lo screaming al pulito mentre le concessioni alle tastiere donano una maggiore varietà alla release. Non dobbiamo aspettarci grandi sorprese ma il prodotto è assolutamente funzionale e possiamo consigliarlo senza indugi ai fruitori del panorama underground, anche alla luce delle liriche colte e sui generis. “To Endotaton”, basandosi ancora sulla leggendaria filosofia di Ermete Trismegisto, tratta infatti di un rituale iniziatico che si svolge nell’oscurità di una caverna, allegoria di come, attraverso le tenebre, l’illuminazione giunga all’adepto.

Voto recensore
6,5
Etichetta: I, Voidhanger / ATMF

Anno: 2012

Tracklist:

01. To Endotaton


Sito Web: www.ysengrin.net

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login