Teksuo – Recensione: Thrênos

Ciò che viene definito attualmente Modern Metal ha perso ormai quasi definitivamente la componente “moderna” per lasciar spazio ad una mal celata monotonia e plasticità delle produzioni , le quali appaiono a prima vista impeccabili ma ad un più attento ascolto finiscono con l’essere in massa accomunate da una piatta asetticità.

Sebbene i Teksuo abbiano compiuto passi da gigante rispetto alla precedente release, con questo secondo album tendono a scivolare nel calderone Metalcore che rischia di fagocitarli e gettarli nell’anonimato.  Le dodici tracce che compongono la tracklist sono ottimamente suonate dai nostri e godono di una produzione cristallina, la perfezione delle stesse fa si che risultino fin troppo artefatte e realizzate appositamente per far presa sulle masse.

L’adesione ai canoni classici del Metalcore è totale, vista la massiccia presenza di breakdown, la puntuale alternanza tra growl e clean vocals, assoli al fulmicotone ed inserimenti Death azzeccati, ma la mancanza di spontaneità è dilagante ed il rischio di risultare inefficaci e dietro l’angolo.

L’opener “Pillar Of Creation” è certamente la traccia meglio riuscita al combo spagnolo grazie soprattutto ad un incipit epico e maestoso, da citare anche al middle track “Hosting The Sadness” il cui riff portante mette a nudo l’anima più estrema dei Teksuo, quella che fa leva sulla componente Death di stampo svedese. Questo dimostra che la direzione da seguire risiede decisamente nel sentiero che porta ad approfondire il lato estremo della loro proposta musicale, mettendo da parte quelle velleità di stampo modaiolo che nuocciono ad una band di sicuro valore.

Voto recensore
5.5
Etichetta: Coroner Records

Anno: 2012

Tracklist:

01. Pillars Of Creation

02. Toxic legacy

03. Redshift

04. Magnetic monster

05. Pray for your remorse

06. Hosting the sadness

07. For you

08. Gerion

09. Symmetry of chaos

10. Rising tide

11. Alien syndrome

12. The black door


Sito Web: www.teksuo.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login