Orchid – Recensione: The Zodiac Sessions

Riedizione onnicomprensiva del primo full-lenght (“Capricorn”, del 2011) e del primo Ep (“Through the Devil’s Doorway”, del 2009) per i californiani (più precisamente di San Francisco) Orchid.

I più smaliziati di voi avranno già capito da quale capostipite del rock/hard rock/metal il quartetto di ‘Frisco trae il proprio nome. E, infatti, per non tradire nessun’aspettativa, gli Orchid si rifanno spudoratamente ai Black Sabbath, per suoni, soluzioni e attitudine oscuramaanchenò, attualizzando il tutto e rendendolo un prodotto chiaramente anni ’10, senza perdere di vista mai il loro fondamentale punto di riferimento e ispirazione o il filone hard rock settantiano.

Pezzi come “Eyes Behind The Wall” o “He Who Walks Alone”, infatti, sono, quasi, delle dichiarazioni d’amore verso Ozzy, Iommi e soci, ma mai scontati o troppo fedeli all’originale vena compositiva della band di Birmingham. Il piglio artistico e l’approccio alle canzoni risultano sempre alquanto genuini, sicuramente influenzati in maniera evidente, ma onesti e parecchio godibili da tutti. Questo certamente per le canzoni che componevano il disco d’esordio (leggasi: fino alla lisergica ed intensa “Albatross”).

Gli ultimi quattro pezzi (da “Into The Sun” fino alla fine), invece, mostrano un gruppo lievemente più acerbo, che si rifà comunque e sempre ad un hard rock di stampo ’70, ma più vicino allo stoner. Non per questo le composizioni risultano sgradevoli, anzi, ci mostrano una band a proprio agio anche con atmosfere diverse da quelle ascoltate fin qui.

Insomma, tirando le somme, “The Zodiac Sessions” rappresenta una riedizione sicuramente interessante per chiunque si sia perso i primi passi di questa band che continua a convincere tutt’ora. Per chi possiede già i suddetti dischi, invece, quest’uscita risulterà alquanto superflua e tralasciabile.

Voto recensore
7
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2013

Tracklist:

01.

Eyes Behind The Wall

02.

Capricorn

03.

Black Funeral

04.

Masters Of It All

05.

Down Into The Earth

06.

He Who Walks Alone

07.

Cosmonaut Of Three

08.

Electric Father

09.

Albatross

10.

Into The Sun

11.

Eastern Woman

12.

Son Of Misery

13.

No One Makes A Sound


Sito Web: http://www.orchidsf.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login