Chaoswave – Recensione: The White Noise Within

“L’importante è crederci”: le frasi fatte, si sa, in quanto tali sono ambigue e si prestano alle più svariate interpretazioni.

Ed è da diverse angolazioni che va visto il debutto dei Chaoswave, ‘The White Noise Within’: la voglia di credere nel valido panorama delle realtà di casa nostra, la voglia di credere in una proposta magari non immediatamente accessibile, ma anche la voglia di credere nei propri punti di riferimento, guardando con riverenza i propri numi tutelari ma provando al tempo stesso a dire la propria.

Il genere proposto dal quintetto italo/danese è un heavy/thrash “moderno” (complice anche una produzione, e perdonateci il termine abusato, davvero schiacciasassi) che ha come innegabile punto di riferimento i Nevemore, tra le aperture più “gotiche” di ‘Dreaming Neon Black’ e la compattezza di ‘Enemies Of Reality’, che sa alternare a muri di chitarra, granitici e dinamici al tempo stesso, anche passaggi più atmosferici e rilassati, complice l’uso delle tastiere (si veda l’inizio di ‘Mirror’, la breve ‘The End Of Me’ oppure alcuni incisi di The Wasteland Of Days, che potrebbero addirittura richiamare qualcosa dei primi Third And The Mortal).

Elemento peculiare che distingue la formazione è sicuramente il cantato a due voci di Fabio e Giorgia, che al botta e risposta preferiscono l’assalto combinato oppure si spartiscono parentesi soliste, senza perdere di vista la melodia e l’orecchiabilità, come in ‘Indifferent’ o nel ritornello di ‘Swept Away’: certo, in alcuni brani si coglie ancora un’ eccessiva uniformità di fondo, ma si evince anche la volontà di sperimentare strade diverse, come nella già citata ‘The End Of Me’ oppure con la conclusiva ‘See Nothing Hear Nothing Say Nothing’ a scombinare le carte in tavola e a lanciare ipotesi per il futuro, tra accenni di elettronica e sperimentazioni vocali.

Un esordio convincente e promettente da parte di una band già conscia dei propri mezzi: e a questo punto sta a voi crederci.

Voto recensore
7
Etichetta: DVS Records

Anno: 2005

Tracklist:

01.The 3rd Moment Of Madness

02.Indifferent

03.Mirror

04.Hate Create

05.The End Of Me

06.The Wasteland Of Days

07.Paint The Poet Dead

08.Swept Away

09.See Nothing Hear Nothing Say Nothing


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login