X-Marks The Pedwalk – Recensione: The Sun, The Cold And My Underwater Fear

Gli X-Marks The Pedwalk sono stati una band fondamentale per lo sviluppo della EBM tedesca negli anni’90 e dopo ben dodici anni di silenzio, sono tornati nel 2010 con l’album della reunion, “Inner Zone Journey”, evento festeggiato con numerose apparizioni live nei principali festival europei dedicati al genere. Sono passati due anni e Sevren Ni-Arb, accompagnato dalla moglie e vocalist Estefania, si ripropone con “The Sun, The Cold And My Underwater Fear”, settimo album complessivo in carriera. Il nuovo esito dei mitteleuropei si rivela melodico e decisamente fruibile. Non manca l’alone di malinconia e quel velo di cupezza tipico della body music made in Germany, ma il two-piece cerca in linea di massima il riscontro commerciale e lo fa attraverso degli episodi crepuscolari ma comunque dotati di un’immediata presa. Ne è un esempio l’opener “You Are Gone”, delicata e con alcune sapienti manipolazioni che rendono il brano altrettanto notturno, ma dotato del giusto tiro per piacere. Sulla stessa linea anche “Fallen Angel” e “Run! Run! Mary!”, gradevoli, con tanto di divagazione technoide a rendere I pezzi più “ruffiani”, infine citiamo la titletrack più oscura e sperimentale, ma abbellita da un lungo passaggio strumentale arioso e d’effetto. “The Sun, The Cold And My Underwater Fear” ha le carte in regola per piacere a chi segue il genere, sebbene la “nuova incarnazione” del gruppo sembri oggi più interessata alla tranquillità del brano da accompagnamento piuttosto che alla voglia di creare un nuovo capitolo di storia di musica elettronica. Finchè funziona…

Voto recensore
6,5
Etichetta: Infacted / Audioglobe

Anno: 2012

Tracklist:

 

 

01. You Are Gone
02. Don’t Lie To Me
03. The Day I Start To Die
04. The Side Of The Wrong
05. Nightfall
06. The Sun The Cold And My Underwater Fear
07. Fallen Angel
08. Electric Summer
09. Tormented Skin
10. No!
11. Run! Run! Mary!
12. MKK.2
13. A.I.C.S.I.N

 


Sito Web: www.xmtp.de

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login