The Sinatra’s – Recensione: Nerves

Il nucleo principale dei The Sinatra’s è attivo già dal 2005 ma solo ora Nicola Sant’Agata (voce), Nelson Picone (chitarra), Gennaro “Johnny” Caserta (batteria) e Orazio Costello (basso) giungono al traguardo della seconda prova sulla lunga distanza consegnando al pubblico questo “Nerves”.

Un immaginario in pieno stile italian gangster di Brooklyn è il corollario alla musica del gruppo che scaturisce da queste dieci tracce: un rock ‘n’ roll influenzato da emo evoluto, certo post-core e da qualche impennata alternative/noise ai confini dell’hardcore, accompagnato da una voce suggestiva ed in grado di giocare in maniera eccelsa fra diversi registri. L’apertura con “Landscapes” ben dispone l’ascoltatore sulle ali di una traccia articolata e sottolineata dai cori che si evolve su linee più pesanti nel finale; tonica e più nervosa “It Came From The Sand”, caratterizzata da un’apertura melodica in grado di farsi ricordare. Chitarra e batteria aprono “Useless Perspectives”, più cadenzata nel refrain e dal respiro più metal nella strofa, con cori che precedono ed accompagnano un assolo blueseggiante: la varietà è di casa nei The Sinatra’s, come nell’esplosiva e pirotecnica “Nightdrive”, che sconfina su terreni hardcore, o nella tensione iniziale di “Black Feeder” , tirata e post-core.

“Helter Skelter”, classico dei Beatles, viene trattato in “Nerves” in maniera caustica e convincente, precedendo “Mare Magnum” e “Sleeping Giant”, due dei brani più convincenti del lotto (la prima grazie al suo arpeggio solitario e la seconda col suo funambolico inizio e la progressione jazz-core): l’ultimo pezzo, “For The Lost”, chiude in maniera varia e su lidi metal la tracklist di questo lavoro, lasciando con la voglia di rimettere tutto da capo.

Un album coi fiocchi, quello dei The Sinatra’s: il loro rock ‘n’ roll a 360 gradi, maturo e vario, non può che conquistare e trascinare dal vivo, dimostrando quanto la proposta musicale di questo “Nerves” sia a fuoco. Bravi.

the-sinatras-nerves

 

Voto recensore
7,5
Etichetta: Self

Anno: 2016

Tracklist: 01. Landscapes 02. It Came From The Sand 03. Useless Perspectives 04. Nightdrive 05. Shelter 06. Black Feeder 07. Helter Skelter 08. Mare Magnum 09. Sleeping Giant 10. For The Lost
Sito Web: https://www.facebook.com/thesinatras/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login