End Of Green – Recensione: The Sick’s Sense

Il panorama gothic metal è pieno di cliché, questo lo sappiamo bene. Lo sanno anche gli End Of Green, che nel nuovo album “The Sick’s Sense” non fanno altro che ripescarli tutti cercando di suonare il più romantici e plastificati possibile. Non c’è proprio nulla di sorprendete in questa release, fatto sta che i tedeschi conoscono bene il loro mestiere e inanellano una serie di tracce facili da ascoltare e davvero piacevoli. Il loro sound mescola un metal edulcorato alle melodie del pop tinto di nero (con echi di The Cure, The Cult, Tears For Fears e via dicendo) e a fungere da corollario ecco la voce profonda e sensuale del front-man Michelle Darkness, il tipico vampirone emaciato che farà sospirare la dark lady di turno. E a vederli c’è quasi da sorridere, tanto il loro aspetto ricalca gli stilemi del genere e anche a livello lirico, tra sangue, amore e intrighi crepuscolari, i luoghi comuni si sprecano. Ma in fondo “The Sick’s Sense” diverte. Vero è che il meglio dell’album è concentrato nella prima parte, in particolare nello scoppiettante trittico iniziale con la rockeggiante “Dead City Lights” e l’intrigante refrain di “Killhoney” a farla da padroni, eppure l’album scorre senza intoppi e lo si ascolta volentieri dall’inizio alla fine.

Insomma, gli End Of Green sono una di quelle band tanto fine a sé stessa che la si amerà o la si odierà alla follia. A voi l’ardua sentenza, dal nostro punto di vista “The Sick’s Sense” è un lavoro che non avanza nessuna pretesa artistica, ma risulta assolutamente gradevole.

Voto recensore
6
Etichetta: Silverdust / Audioglobe

Anno: 2008

Tracklist: 01.Dead City Lights
02.Killhoney
03.Anthem For A New Wave
04.Hurter
05.Die Lover Die
06.Let Sleeping Gods Lie
07.My Crying Veins
08.Pain Hates Me
09.The Sickness Crown
10.Ghostdance
11.Sunday Mourning
12.Bury Me Down (The End)

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login