M.o.d. – Recensione: The Rebel You Love To Hate

Non c’è nulla di più fastidioso dell’ironia saccente, soprattutto se viene accompagnata dalla mancanza totale di idee interessanti. Stiamo parlando ovviamente dei nuovi M.O.D.: Billy Milano sembra infatti aver riformato la band per prendere in giro principalmente se stesso. Non capiamo infatti il senso di questa raccolta di luoghi comuni spacciati per innovazione: satira politica, accuse al mainstream musicale e alle tendenze imperialiste delle multinazionali… tutti argomenti sfruttati e sviscerati dai tempi dei Dead Kennedys e che ormai servono solo a creare il cliché della band contro ma con cervello. Purtroppo non basta il sarcasmo per risultare intelligenti o divertenti ed anzi la banalità delle composizioni finisce per rendere il tutto piuttosto avvilente. Peggio ancora è infatti il lato musicale. Qui siamo fermi ai Biohazard di ‘State Of The World Address’ con una spruzzatina di rap-metal, thrash e tanto di siparietti scemi alla ‘I’m The Man’. Di questa reincarnazione si poteva davvero fare a meno.

Voto recensore
4
Etichetta: Nuclear Blast / Audioglobe

Anno: 2003

Tracklist: Wigga
Rebel You Love To Hate
Making Friends Is Fun
De Men Of Stein
Rage Against The Mac Machine
Get Ready
Ass-Ghanistan
He's Dead Jim
Get Ready (almost live)
Rebel (Radio - 808 edit)
Rage Against The Mac (Radio edit)VWigga (Radio edit)
Rebel You Love To Hate (Radio edit)

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login