Midnattsol – Recensione: The Metamorphosis Melody

Peccato. Se il precedente “Nordlys” vedeva i Midnattsol offrire un album elegante e di spessore, il nuovo “The Metamorphosis Melody” lascia un po’ a desiderare. Non viene meno la consueta commistione tra metal sinfonico, gotico e folk, ma il disco manca in parte di mordente e non riesce a ripetere gli episodi coinvolgenti del suo predecessore. Bisogna chiarire che “The Metamorphosis Melody” non è un lavoro da scartare a priori, la band mette in luce il suo livello ineccepibile e i brani svolgono il loro dovere, ciò che manca è piuttosto la creatività che aveva fatto di “Nordlys” un ottimo disco pur partendo da una materia musicale ben nota. Dicevamo che una manciata di brani si porta sopra la media e qui vogliamo citare la delicata “Forlorn” e l’enfasi epico/sinfonica di “Motets Makt”, che sapranno certamente coinvolgere l’ascoltatore. La prova vocale di Carmen Elise Espenaes (che ormai sappiamo essere la sorella di Liv Kristine) è ancora una volta di spessore e la front woman mostra tutta la sua versatilità. Tuttavia, al di là di questi elementi positivi, rimane l’impressione di avere a che fare con il tipico compito svolto alla perfezione che a livello emozionale si arena in una certa ripetitività di fondo. Ovvio però che se amate acts come Nightwish o Epica e già possedete la precedente discografia della band, non faticherete ad apprezzare “The Metamorphosis Melody”.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Napalm Records / Audioglobe

Anno: 2011

Tracklist:

01. Alv
02. The Metamorphosis Melody
03. Spellbound
04. The Tide
05. A Poet’s Prayer
06. Forlorn
07. Kong Valemons Kamp
08. Goodbye
09. Forvandlingen
10. Motets Makt
11. My Re-Creation


Sito Web: www.midnattsol.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login