White Wizzard – Recensione: The Devil’s Cut

La terza release dei White Wizzard non si discosta dal sound pienamente anni ’80 che ha connotato fino ad ora la band di Los Angeles (antidoto al metalcore che incombe negli USA) ma se vogliamo sottolineare una leggera veriazione sul tema possiamo affermare che in parte la vena leggermente demenziale viene messa da parte per un approccio più serio e quasi epico, memore dei brani storici di Iron Maiden e Judas Priest di 25 anni fa.

Al sound di queste band aggiungiamo anche, in alcuni pezzi, un assaggio di hard rock stradaiolo (vedi “Storm Chaser”) che non gusta se consideriamo lo stile guascone del gruppo statunitense.

Vero mastermind della band è sempre il bassista Jon Leon il cui strumento è in primo piano praticamente in tutti i pezzi del CD, ricamando linee ritmiche dinamiche ed accompagnamenti agli assoli di chitarra originali e di tutto rispetto.

Il CD parte nel migliore dei modi con la strumentale “Forging The Steel”, una vera e propria cavalcata in stile Iron Maiden che non lascerà indifferenti e si propone cone una delle migliori intro dell’anno.

A seguire abbiamo la priestiana “Strike The Iron”, song in cui la coppia di chitarristi Will Wallner e Jake Dreyer sventola tutti i clichees possibili del genere; aggiungiamo che una menzione la merita anche il bravissimo singer Joseph Michael, qui alle prese con una linea vocale dai toni altissimi che ci ricorda il mitico Michael Sweet degli Stryper.

“Kings of the Highway” ci mostra il lato melodico e catchy dei nostri in un pezzo che pone ancora sugli scudi le chitarre nonché un bridge più coro che colpisce l’ascoltatore fin dal primo ascolto e lo avvince inducendolo quasi subito a cantare.

Altri momenti particolarmente riusciti della release sono la power ballad “Steal Your Mind”, la lunga e dinamica “Torpedo Of Truth” (in cui i chitarristi brillano nuovamente) o la prova eccelsa di Michael alla voce in “The Sun Also Rises”, lungo pezzo dai toni vagamente epic (in certi tratti ricorda qualcosa dei Fith Angel) che chiude nel migliore dei modi un CD divertente e ben registrato.

Merita una citazione l’artwork, come sempre originale e caratterizzato da toni semiseri da fumetto.

 

Voto recensore
7,5
Etichetta: Earache Records

Anno: 2013

Tracklist:

01. Forging The Steel
02. Strike The Iron
03. Kings of the Highway
04. Lighning In My Hands
05. Steal Your Mind
06. The Devil's Cut
07. Torpedo Of Truth
08. Storm Chaser
09. The Sun Also Rises


Sito Web: http://www.whitewizzardofficial.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login