Sammy Hagar – Recensione: At Your Service

Casomai nelle prossime settimane doveste intraprendere un lungo viaggio per una qualsiasi destinazione vacanziera, vi suggeriamo di prendere in considerazione “At Your Service” come uno degli album che potrebbero farvi da colonna sonora. Questo doppio CD live è infatti una buona sintesi dell’accompagnamento musicale che può esserci utile per accompagnarci in un lungo tragitto: la durata, trattandosi di un doppio album, il groove energico che serve per tenere svegli e attenti alla strada, ed è una buona sintesi di alcuni dei capisaldi della storia del rock. Se quindi non ci sono moltissime sorprese per quanto riguarda il repertorio dei brani proposti, di certo non si può rimanere indifferenti di fronte alla line up dei The Circle, che oltre a uno sfolgorante Sammy Hagar alla voce è composta da Jason Bonham alla batteria (motivo per la presenza di una serie di cover dei Led Zeppelin nel doppio album), Vic Johnson alla chitarra e Michael Anthony al basso. Il live riprende quindi una serie di classici estratti da più repertori, che in prevalenza sembrano tratteggiare una sorta di storia della musica dei Van Halen, ma che poi sconfinano nel repertorio di Hagar solista, dei Montrose e naturalmente dei Led Zeppelin. In tutte le situazioni i The Circle si mostrano all’altezza delle aspettative che, non c’è santo che tenga, si devono coltivare quando si ha a che fare con un supergruppo del genere, e anche se viene lasciato ampio margine di libertà e grande spazio a parti strumentali e singoli assoli, l’impressione è quella di un quartetto di musicisti che suonano insieme non solo per esperienza ma per quell’affiatato divertimento che spesso fa da marcia in più quando si è sul palco.  In questo caso è corretto parlare di supergruppo, dato che la band ha un’esperienza prevalentemente dal vivo, non propone brani nuovi e potrebbe, di conseguenza, essere destinata ad uno scioglimento tanto repentino quanto lo è stata la sua nascita. Ma anche se dovesse capitare questo, abbiamo la certezza che “At Your Service” sia un ottimo lavoro live, un’istantanea perfettamente a fuoco del grande stile caratteristico dei musicisti che vi hanno suonato.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Mailboat Records

Anno: 2015

Tracklist:

CD 1:

01. There’s Only One Way To Rock
02. Rock Candy
03. Good Times Bad Times
04. Poundcake
05. I Can’t Drive 55
06. Mikey Bass Solo
07. When It’s Love
08. Whole Lotta Love
09. Little White Lie
10. When The Levee Breaks

CD 2:

01. Moby Dick/Jason Drum Solo
02. Why Can’t This Be Love
03. Finish What Ya Started
04. Heavy Metal
05. Vic Guitar Solo
06. Best Of Both Worlds
07. Right Now
08. Rock And Roll
09. Dreams


Sito Web: https://www.facebook.com/SammyHagar?fref=ts

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login