The Casualties – Recensione: Chaos Sound

Se certa gentaglia come i Casualties non esistesse, bisognerebbe inventarla. I newyorchesi tornano con il loro punk “ignorante” e spaccaossa che molto deve alla scena hardcore di provenienza e altrettanto al metal, che soprattutto nelle derive speed, ha contribuito a formare il sound proposto da Jorge Herrera e compagni di sbronza.

Un titolo programmatico come “Chaos Sound” non ha bisogno di molte spiegazioni. Ci basti sapere che il gruppo  taglia il traguardo del decimo studio album (comprendiamo nella lista anche “En La Linea Del Frente” del 2005, che altro non fu se non una riedizione cantata in spagnolo di “On The Front Line”) e ancora una volta si picchia duro e ci si diverte con degli inni da cantare a squarciagola mentre ci si spintona in un pogo indiavolato.

E’ vero, i Casualties non sono cambiati di una virgola, continuano a premere sull’acceleratore e a comporre canzoni in serie, dove trionfano i ritmi veloci e le melodie graffianti ma altrettanto boombastiche. E’ un punk i il loro, dove la protesta verso i mali della nostra società si combina ad un gran divertimento. E va bene così, perché “Chaos Sound” è uno di quei dischi che si ascoltano con gran piacere, forte di refrain gustosissimi e melodie graffianti ma dannatamente sornione.

In bilico tra speed metal, gretto hardcore e attitudine punk rock, la titletrack apre le danze e mostra subito un gruppo in buona forma, con Jorge che ci sputa addosso la sua voce al vetriolo mentre la chitarra di Jake Kolatis macina riff e si concede anche degli “assoloni” che non faticherete ad assimilare. Lineare ma potente, la sezione ritmica composta dal bassista Rick Lopez e dal batterista Marc Eggers, accompagna al meglio, senza dimostrazioni di tecnica ovviamente, ma con grande cuore e onestà.

E chi se ne frega, in fondo questo è quel bel punk alcolico e scorretto che a noi rende i Casualties irrimediabilmente simpatici. E allora sotto, con veri pezzoni che ci troveremo a cantare insieme a Jorge come “Brothers And Sisters”, “Work Our Lives Away”, “Keep Your Distance”, “In The Lost City” e “Halfway To Hell” , solo per citare i brani che vi si stamperanno intesta in men che non si dica.

La cover di “R.A.M.O.N.E.S.” dei Motorhead firma un involontario quanto ben riuscito tributo all’indimenticabile Lemmy e ai suoi insegnamenti a tutti i figli del rock. Un disco adrenalinico da gustare tutto d’un fiato, con una pinta di birra in mano e senza pensieri.

The Casualties - Chaos Sound

Voto recensore
7
Etichetta: Season Of Mist

Anno: 2016

Tracklist: 01. Intro 02. Chaos Sound 03. Visions Of Greed 04. Running Through The Night 05. Brothers And Sisters 06. Murder Us All 07. Work Our Lives Away 08. Countdown To Tomorrow 09. Fight For What’s Mine 10. Keep Your Distance 11. In The Lost City 12. Bomb Blast 13. R.A.M.O.N.E.S. (Motörhead Cover) 14. Halfway To Hell 15. United Streets
Sito Web: https://www.facebook.com/TheCasualties/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login