The C. Zek Band – Recensione: Samsara

La veronese C. Zek Band è attiva dal 2015, protagonista di un’intensa attività live e al debutto discografico con l’ottimo “Set You Free” nel 2017 (qui la recensione: http://www.metallus.it/recensioni/the-c-zek-band-recensione-set-you-free/), all’insegna di un southern rock venato di soul. Ed è sempre nel solco di tali sonorità che la band arriva a questo secondo lavoro, prodotto dallo stesso Christian Zecchin, chitarrista, cantante e mastemind del progetto.

L’apertura è affidata a “In The Storm”, un solare e rilassato southern rock in cui spicca la splendida voce di Roberta Della Valle e il lavoro di chitarra slide di Christian Zecchin, mentre la batteria del fratello Enea introduce “Each Day A Crossroad” (con Christian alla voce solista), con forti echi della Allman Brothers Band sia a livello melodico che solista. Il riff portante e lo svolgimento di “Another Train” guarda con decisione ai Cream e “Black River” è una perfetta ballad southern blues con echi beatlesiani nei cori. Di blues intenso e struggente si può parlare anche per “This Is The Right Day To Cry”, con la chitarra di Christian impegnata in sentiti assoli pieni di pathos. La title track, strumentale divisa in due parti, sembra che venga direttamente dalla penna di Dickey Betts: un tema principale che si scompone in parti soliste eseguite in libertà dalla chitarra solista e dalle tastiere del bravissimo Matteo Bertaiola, andando ad esprimere chiaroscuri e dinamiche di grande intensità, come nella migliore tradizione a marchio Allman Brothers. Sonorità più funky arrivano con “Feel So Good” che rivede la voce di Della Valle protagonista, e l’ospitata al flauto di Maurizio Leone. Chiude il lavoro “Stolen Soul”, con sentori del primo Santana uniti ad una solidità classicamente hard blues, dove le parti soliste sono perfettamente sostenute dal basso pulsante di Nicola Rossin.

Un lavoro di grande spessore e maturità, forse più incentrato su brani dilatati e jammati rispetto al debutto, ma sempre con un alto livello compositivo, interpretati al meglio da una band dalle sicure capacità tecniche, messe in ogni caso a servizio dell’insieme. Un altro eccellente esempio di come anche un genere che per tradizione non è mai stato troppo nelle corde della cultura musicale italiana, sia oramai un linguaggio parlato credibilmente anche dalle nostre parti, grazie anche a esperienze musicali come la C. Zek  Band. Onore al merito.

Etichetta: Andromeda Relix

Anno: 2020

Tracklist: 01. In The Storm 02. Each Day A Crossroad 03. Another Train 04. Black River 05. This Is The Right Day To Cry 06. Samsara (part 1) 07.Samsara (part 2) 08. Feel So Good 09. Stolen Soul
Sito Web: https://www.facebook.com/c.zekband

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Christian Zecchin

    Grazie infinite Daniele Zago per la tua Recensione positiva!!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login