The Black Dahlia Murder – Recensione: Abysmal

Dal 2003 i The Black Dahlia Murder hanno prodotto, a precisa scadenza biennale, con CD quali “Nocturnal” e “Ritual”, assalti sonici che ogni amante del melodic death metal suonato con ferocia e perizia tecnica di sicuro avrà ascoltato; è il 2015 e la compagine di Trevor Strnad torna a far rombare i propri sonici motori con questo “Abysmal”, su Metal Blade Records.

L’incipit dell’iniziale “Receipt” e della finale “That Cannot Die Which Eternally Is Dead” sono simili in quanto sinfonici, ottimamente orchestrati e fanno notare, insieme al mood generale dell’album un certo avvicinamento ulteriore al death metal più teatrale, pur avendo una solida base (specie per le ritmiche) di hardcore furioso fuso al genere oscuro per antonomasia; il lavoro svolto dai due chitarristi Ryan Knight e Brian Eschbach è ottimo e riesce a coinvolgere fin dal principio in virtù di una freschezza compositiva ed esecutiva che non è comune, specie in un genere come questo, ed è altresì supportato da una sezione ritmica incrollabile formata da Bart Williams al basso e dal funambolico Shannon Lucas alla batteria.

Si va dalla massiccia title-track, potentissima, a pezzi più elaborati come “The Fog”, un vero e proprio campionario di tutto ciò che i The Black Dahlia Murder sono in grado di offrire (e di farlo bene): ci son o momenti più tranquilli, se così si può dire, come nei breakdown della meravigliosa “Re-Faced” e in “Stygiophobic”, che riescono a variare ulteriormente la proposta musicale di questo album.

Niente di innovativo o trascendentale, sia chiaro, ma questi loschi figuri continuano con perseveranza e stile sulla propria strada, fornendo un esempio di coerenza e di attaccamento alla musica veramente encomiabile; in un mare magnum di proposte musicali mediocri i The Black Dahlia Murder riescono a staccarsi dalla massa e a brillare di luce propria, al di là delle mode, delle tendenze e di ogni logica minimamente commerciale.

Voto recensore
7
Etichetta: Metal Blade

Anno: 2015

Tracklist:

01. Receipt
02. Vlad, Son Of The Dragon
03. Abysmal
04. Re-Faced
05. Threat Level No.3
06. The Fog
07. Stygiophobic
08. Asylum
09. The Advent
10. That Cannot Die Which Eternally Is Dead


Sito Web: http://www.metalblade.com/tbdm/

Fabio Meschiari

view all posts

Musica e birra. Sempre. In spostamento perenne fra Asia e Italia, sempre ai concerti e con la birra in mano. Suonatore e suonato, sempre pronto per fare casino. Da Steven Wilson ai Carcass, dai Dream Theater ai Cradle of Filth, dai Cure ai Bad Religion. Il Meskio. Sono io.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login