Header Unit

The Acacia Strain – Recensione: Gravebloom

Ottavo album in studio per i The Acacia Strain, di ritorno con questo “Gravebloom” su Rise Records: undici brani di puro deathcore, senza compromessi ed affetti da una somiglianza stilistica fra loro alquanto preoccupante. Tolto subito il dente, c’è da dire che la voce monoespressiva non aiuta di certo e, nonostante la prima traccia “Worthless” faccia ben sperare, grazie anche al break pulito, non si riesce di certo a decollare appieno con le canzoni che segnano la tracklist di questo lavoro.

Un marasma sonoro, un muro di distorsione e di growl impenetrabile, che soltanto in poche occasioni riesce a ravvivare l’attenzione: se “Bitter Pill” e “Big Sleep” possono essere un biglietto da visita valido, rappresentativo del suono di questo “Gravebloom”, purtroppo la formula ripetuta in maniera ossessiva e la poca dinamica vanno ad inficiare sul risultato finale portando il livello di attenzione clamorosamente sul basso. L’inizio in sordina di “Abyssal Depths“, così come la varietà espressa nei primi momenti di “Model Citizen” sono gli altri momenti degni di nota, che spiccano dal magma creato dagli strumenti e dalla voce che si staglia su una landa desolata dove niente cresce: va bene la coerenza ma qui si esagera e tutto viene appiattito sotto una coltre di violenza e ripetitività che non riesce di certo a far brillare i The Acacia Strain per originalità o per doti compositive fuori dal comune. Allargando il discorso si può di certo dire che un genere come il deathcore, quello proposto dal gruppo in esame, già di per sè non prevede grossi scossoni ma basta ascoltare alcne produzionirecenti per capire che c’è comunque ancora vita e possibilità di guizzi che possono far gioire i fruitori di questa musica.

Purtroppo i The Acacia Strain non riescono a centrare il bersaglio, pubblicando un album piatto e svogliato, intransigente a tal punto da ripetere le stesse sequenze in maniera di certo non accattivante.

Voto recensore
5,5
Etichetta: Rise Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. Worthless 02. Plague Doctor 03. Bitter Pill 04. Big Sleep 05. Gravebloom 06. Abyssal Depths 07. Model Citizen 08. Calloused Mouth 09. Dark Harvest 10. Walled City 11. Cold Gloom
Sito Web: https://www.facebook.com/Theacaciastrain/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login