Pavic – Recensione: Taste Some Liberty

Hard rock roccioso ed asciutto, forse troppo asciutto, per questa nuova uscita che vede protagonista, al di là del chitarrista da cui la band prende nome, il cantante italiano Chris Catena. Ma si diceva di Marko Pavic: di origini jugoslave, risiede da anni in Italia; di qui la nascita del sodalizio con Catena, per un esordio discografico di buona fattura, che magari non farà gridare al capolavoro, ma si segnala per l’onestà e per il buon gusto melodico messo in campo. Le coordinate di riferimento non sono troppo diverse da quelle dello stesso Catena: un sound che strizza l’occhio agli anni ’70, quindi, e con ciò è giustificata anche – almeno parzialmente – la produzione.

Fra i vari episodi di questo coerente e coeso ‘Taste Some Liberty’, da segnalare la curiosa e tutto sommato riuscita cover di ‘Logical Song’. Fra i pezzi originali, spicca l’ariosa ‘Summer Of ’98’: magari il ’98 non avrà l’appeal del ’69 di Bryan Adams, ma la melodia è ciò che conta lungo tutto l’arco di questo album, e sotto questa prospettiva Pavic e Catena fanno centro. Aiutati anche da un roster di ospiti davvero notevole e di qualità, i due danno costantemente l’impressione di sapere esattamente cosa stanno facendo, magari a discapito dell’originalità, ma dimostrando in compenso una coerenza ed una solidità invidiabili. Una successione di pezzi senza sussulti ma anche senza fronzoli, che vanno diritti al punto. Non c’è un attimo di sosta alla scarica di energia, se non nella ballad ‘Sail With Me’, comunque robusta e per niente sdolcinata; ottimo, tra l’altro, anche l’uso dei cori. Chiude l’album la buona cover di ‘Death Alley Driver’ (Rainbow).

Marko Pavic, in tutta la durata di ‘Taste Some Liberty’, dimostra grane personalità e si mette intelligentemente al servizio della forma-canzone. E poi, come già accennato, ci sono numerose apparizioni d’eccezione: tra gli altri, Kee Marcello, Tony Franklin e Vitalij Kuprij. E per un debutto non è poco: segno di una fiducia che, già per quanto è presente su quest’album, è ampiamente ripagata.

Voto recensore
7
Etichetta: Anteo/Masterpiece

Anno: 2006

Tracklist: 01. Restless Soul
02. Summer Of '98
03. Don't Give Up On Your Dreams
04. Logical Song
05. Once
06. Desperate Cry
07. Convicted
08. Night Life
09. Where Is She Now
10. Fear
11. Sail With Me
12. Death Alley Driver

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login