Tannoiser – Recensione: Alamut

Una citazione, forse una profezia, prima si arrende ad un incedere da dinosauro, ed infine si inabissa in un limaccioso refrain doom. Così inizia “Alamut” (la fortezza iraniana degli Hashashin), l’EP dei bresciani Tannoiser, in attività sin dal 2015 ma solo ora debuttanti su disco. “Baba Vanga” è un death doom dal passo deciso, in cui voce catacombale e sezione ritmica bulldozer si fanno coraggio a vicenda, lasciando alla chitarra la decisione su quale sfumatura di grigio far indossare al pezzo.

“Paradacsa” approfondisce il discorso,evidenziando ulteriormente il legame con Lee Dorrian ed i Cathedral di “Forest of Equilibrium“, salvo poi scartare furbescamente l’accusa di sudditanza con un’improvvisa e movimentata coda elettrica. L’attività live in giro sui palchi del nord Italia ha decisamente giovato ai  Tannoiser l’attività live in giro per il nord Italia e li ha portati ad ottenere un impasto sonoro compatto e avvolgente; a supporto di questa ipotesi basterebbe citare un gioiellino come “Necrophage”, con il suo ronzio da Electric Wizard sotto ansiolitici a far da fondale per un’interpretazione luciferina e non priva di una perversa orecchiabilità.

Se la (relativamente) breve “March of Wrecks” usa gli accordi desolati e la malinconia del Burzum di “Filosofem” (salvo fallire nel momento in cui ci si attenderebbe un’esplosione e non una dissolvenza), “The void”  vive invece di arpeggi bronzei, una notevole base ritmica e più concrete  e minacciose accelerazioni. “Mekkano” (dal titolo della prima demo, qui recuperata proprio insieme a “The Void”)  chiude il cerchio con un fangoso doom non insensibile al fascino dei With the dead. Debutto piuttosto  interessante, con un paio di brani decisamente sopra la media (“Necrophage” e “The void”)  ed un sound compatto e cupo, che fa ben sperare in un disco completo nel prossimo futuro. Da seguire con attenzione, sia su disco che (soprattutto) dal vivo.

Voto recensore
7
Etichetta: Leynir Booking & Production

Anno: 2018

Tracklist: 01. Baba Vanga 02. Paradacsa 03. Necrophage 04. March of Wrecks 05. The Void 06. Mekkano
Sito Web: https://www.facebook.com/TannoiserBandOfficial/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login