Symphony X – Recensione: The Damnation Game

Dopo l’esordio eponimo “giapponese” e prima del successo planetario di “The Divine Wings Of Tragedy” non dobbiamo dimenticarci di questo album, “The Damnation Game”, che fece conoscere i Symphony X in Europa (fu una delle prime pubblicazioni targate Inside Out).

I crismi del power prog metal erano già tutti in bella mostra ma soprattutto si presentava al mondo quella che ancora oggi è una delle migliori voci del panorama hard n’ heavy, Russell Allen, che andava a sostituire il solo discreto Rod Tyler e si metteva fieramente alla guida di questo gruppo di musicisti preparatissimi. Ora universalmente noti i cinque del New Jersey si erano messi insieme solo l’anno precedente miscelando influenze prog derivate da Rush e Emerson Lake & Palmer, metal classico alla Iron Maiden e Judas Priest con ampie dosi di musica classica e un amore sviscerato per le colonne sonore; ne risultava una specie di ibrido tra un Yngwie Malmsteen più moderno e dei Dream Theater più neoclassici.

Quando sentii sulla mitica Rock FM un estratto di questo lavoro (“Secrets”) capii all’istante che pur nella sua classicità i Symphony X avevano un potenziale immenso e gli anni a venire confermarono questa previsione. Scale vorticose, cantato alla Ronnie James Dio, cori alla Queen e una produzione decisamente migliore del primo album… tutto questo era subito contenuto  nella title track e in “Dressed To Kill”.

“The Edge Of Forever” è un tipo di canzone che diventerà un topic del songbook degli americani: composizione lunga, progressive nella concezione e estremamente teatrale nei contenuti. Grandi protagoniste le tastiere di Mike Pinnella che per una volta rubano la scena alla straripante chitarra di Michael Romeo. “Whispers” è una power ballad con un epico Allen sugli scudi contrappuntato da bei cori polifonici mentre in “The Haunting” segnaliamo la spinta del basso di Thomas Miller e della doppia cassa di Jason Rullo che varia in maniera originale l’andamento del pezzo.

Chiude una “A Winter’s Dream” divisa in due parti: la prima acustico/declamatoria la seconda hard prog degno epitaffio di un grande lavoro… non il loro apice forse ma assolutamente da avere nella vostra Metalteca ideale.

Etichetta: Inside Out Music

Anno: 1995

Tracklist: 01. The Damnation Game 02. Dressed To Kill 03. The Edge Of Forever 04. Savage Curtain 05. Whispers 06. The Haunting 07. Secrets 08. A Winter's Dream - Prelude (Part I) 09. A Winter's Dream - The Ascension (Part II)
Sito Web: http://www.symphonyx.com/site/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login