Pursuing The End – Recensione: Symmetry Of Scorn

Dopo i buoni riscontri ottenuti in occasione dell’Ep di esordio “Dawn Of Expiation” (2010) per i parmensi Pursuing The End è il momento della prima opera sulla lunga distanza, questo “Symmetry Of Scorn”. L’album è presentato come un mix tra un roccioso metal moderno, sonorità sinfoniche ed altre prese in prestito, senza paura, al pop e alla dance. All’ascolto, dobbiamo ridimensionare questa altisonante presentazione, ma sottolineare anche come l’album funzioni bene e la band mostri idee chiare ed anche una buona dose di personalità. Il sound è quanto spesso granitico e muscolare, la componente metal sale indubbiamente sugli scudi, dando però un lustro maggiore a un death melodico di derivazione scandinava, con qualche grasso ritocco all’americana maniera quando i pezzi cercano di essere più catchy (“Human Revulsion”). Una componente “goth” può essere letta nella voce di Chiara Manese, che affianca, con tonalità cristallina, il growl (ma anche la voce pulita) di Giacomo Benamati. Un lato sinfonico c’è, senza dubbio, ma il ruolo delle tastiere e degli arrangiamenti è di contorno, lo spazio concesso alla chitarre è decisamente maggiore e utilizzato senza parsimonia. Un eventuale lato pop/dance potrebbe essere visto invece nelle brevi intro elettroniche che fungono da overture per alcuni brani, per la verità abbastanza anonime e non così necessarie all’economia delle canzoni (dal nostro punto di vista, ia chiaro). Tante idee uguale tanta carne al fuoco, elemento che nel caso di un debutto genera inevitabilmente un po’ di confusione e alcuni momenti in cui la formula brilla di meno. Eppure “Symmetry Of Scorn” riesce ad essere intrigante la via intrapresa dai musicisti emiliani ci sembra giusta e soprattutto originale. Premiamo il coraggio e aspettiamoci da loro qualcosa da ricordare nel prossimo futuro.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Bakerteam / Audioglobe

Anno: 2013

Tracklist:

01.  The Last Truth
02.  Something Remains
03.  Cage Of Hypocrisy
04.  From The Ashes
05.  In Vain
06.  Mercyful Vengeance
07.  Human Revulsion
08.  Out Of Control
09.  Symmetry Of Scorn
10.  Changes


Sito Web: http://www.pursuingtheend.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login