Ugly Kid Joe – Recensione: Stairway To Hell

 

Come un fulmine a ciel sereno, tornano in scena gli Ugly Kid Joe, dopo ben quindici anni di assenza. Che Whitfield Crane e soci non siano del tutto normali lo sappiamo bene e il nuovo EP “Stairway To Hell”, chiaro riferimento alla celeberrima song zeppeliniana, è qui a dimostrarcelo. Se la svolta verso panorami sotto i riflettori operata in “Motel California” aveva fatto storcere il naso a buona parte dei fan, il nuovo esito vede gli americani fare ciò che riesce loro meglio: del sano ed irresistibile hard’n’heavy moderno, pregiato ovviamente da un sound caratterizzante. La reunion risale in effetti al 2010 e forse ci saremmo pure potuti aspettare un full-length, ma l’ascolto del mini lascia comunque soddisfatti e fa intuire come la creatura californiana sia tornata in buona forma e pronta a riscattarsi. Si inizia subito bene con “Devil’s Paradise”, rocciosa e catchy quanto basta, ideale preludio alla potente “You Make Me Sick”, più muscolare ma altrettanto sorniona. E c’è proprio da divertirsi quando nel lettore passano le note di “I’m Alright”, brano con tutte le potenzialità del singolo d’assalto ed anche in occasione della conclusiva “Another Beer”, country/metal disincanto e irriverente che non mancherà di farvi scuotere la testa. Bentornati Ugly Kid Joe! Ora non ci resta che attendere la loro performance al Gods Of Metal e una desiderata prova sulla lunga distanza.

 

Voto recensore
7
Etichetta: Dik Hayd / EMI

Anno: 2012

Tracklist:

01. Devil’s Paradise
02. You Make Me Sick
03. No One Survives
04. I’m Alright
05. Love Ain’t True! (feat. Angelo Moore and Dirty Walt of FISHBONE)
06. Another Beer

 


Sito Web: www.uglykidjoe.net

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login