Motorhead – Recensione: Stage Fright (DVD)

“We are Motorhead, we play Rock’n’roll!”. Con queste semplici parole Lemmy annuncia la band sul palco di Dusseldorf, Philipshalle, e da qui in poi il gruppo ci delizia con un ora e mezza abbondante di suoni grezzi, ritmiche serrate e vocals al vetriolo. Un concerto a dir poco straordinario, quello qui immortalato, non tanto per la prestazione della band, che ci pare comunque più che buona, ma per lo sforzo produttivo messo in atto. La regia è notevole, con un gran numero di telecamere disseminate intorno e sopra il palco, mentre il suono esce nitidissimo e veritiero come solo i lavori più professionali riescono ad ottenere. Più che condivisibile anche la scaletta, con brani pescati da molta della produzione della band, anche da un album troppo vituperato come ‘Another Perfect Day’ (“Probably the most hated album ever”, come sottolinea lo stesso Lemmy presentando ‘I Got Mine’). Sempre sugli scudi i classici di un tempo, anche song più recenti ma ottime come ‘Sacrifice’ e ‘In The Name Of Tragedy’ si guadagnano un meritato spazio. Da sottolineare la versione acustica di ‘ Whorehouse Blues’, eseguita come primo bis, brano che lascia intravedere un lato anomalo per i Motorhead. Dura giusto un attimo però, visto che la chiusura affidata ad ‘Ace Of Spades’ /’Overkill’ ci mette definitivamente al tappeto. Piuttosto vasto anche il settore ‘Extras’, con un’interminabile serie di interviste all’intera squadra che lavora per rendere possibile un concerto dei Motorhead: da chi scarica gli strumenti, al cuoco, fino al tour manager. Sicuramente una scelta singolare, ma interessante per capire come funzionano le cose dietro le quinte (e una scusa per vedersi dei personaggi mica da poco). Non mancano ovviamente interviste con la band che si siede, guarda e commenta il risultato del proprio lavoro con il solito sarcasmo e la poca voglia di prendersi sul serio. Come sottolinea il signor Kilmister: “Fanculo! Se avessi voluto lavorare nella vita, non mi sarei di certo messo a suonare rock’n’roll…”

Etichetta: SPV / Audioglobe

Anno: 2005

Tracklist:

DVD1

01. Dr. Rock
02. Stay Clean
03. Shoot You In The Back
04. Love Me Like A Reptile
05. Killers
06. Metropolis
07. Over The Top
08. No Class
09. I Got Mine
10. In The Name Of Tragedy
11. Dancing On Your Grave
12. R.A.M.O.N.E.S.
13. Sacrifice
14. Just 'Cos You Got The Power
15. Going To Brazil
16. Killed By Death
17. Iron Fist
18. Whorehouse Blues
19. Ace Of Spades
20. Overkill

DVD2

Extras


riccardo.manazza

view all posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login