Amesoeurs – Recensione: ST

Non è certo semplice racchiudere una band come gli Amesoeurs entro i confini di un panorama musicale definito. Il debut album del combo guidato dall’eclettico Neige, un musicista che ha maturato esperienza nella scena black francese dedicandosi ai più disparati progetti, raccoglie l’eredità dei mitici Forgotten Woods attraverso un black minimale e dai risvolti misterici al quale funge da contro-altare un’anima che fa propri il post-punk e la darkwave degli anni ’80.

Tuttavia sarebbe sbagliato parlare di avanguardia a tutto tondo o commistioni tra i due generi, poiché nel susseguirsi di “Amesoeurs” essi rimangono in buona parte distinti, salvo alcuni incontri in cui le due “personalità” del four-piece di Avignone sembrano sfiorarsi viaggiando su delle parallele (vedi l’inquietante “Heurt”). Alcuni brani, affidati alla voce dalla brava Audrey Sylvain, lasciano emergere echi dei Joy Division e dei Siouxie And The Banshees, tra accenni elettroacustici che chiamano in causa i The Gathering. Talvolta si azzarda anche n po’ troppo, arrivando alle tentazioni pop (inserite però in un contesto sempre molto oscuro) di un brano non particolarmente esaltante come “Video Girl”. A negare tutto questo, ecco il black più incontaminato e selvatico scandito dallo screaming di Neige arrivare prepotentemente in “Trouble (Eveils Infàmes)” e nella claustrofobica suite “Au Crépuscole De Nos Rèves”. L’omonima testimonianza di questa band francese dalle potenzialità indubitabili, è purtroppo anche il suo epitaffio: incerti sull’effettiva direzione musicale da seguire, i nostri hanno preferito sciogliersi piuttosto che continuare in maniera forzata. Peccato, le idee che emergono da “Amesoeurs” sono ottime.

Voto recensore
7
Etichetta: Code666 / Audioglobe

Anno: 2009

Tracklist:

01.Gas In Veins
02.Les Ruches Malades
03.Heurt
04.Recueillement
05.Faux Semblants
06. I XIII V XIX XV V XXI XVIII XIX – IX XIX – IV V I IV
07.Trouble (Eveils Infàmes)
08.Video Girl
09.La Reine Trayeuse
10.Amesoeurs
11.Au Crépuscole De Nos Rèves


Sito Web: http://www.myspace.com/amesoeurs

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login