Blaze Bayley – Recensione: Soundtracks Of My Life

Nonostante Blaze (ex Iron Mainden e Wolfsbane) abbia già annunciate un nuovo concept album per il 2015 anche il passato ha una grande importanza e il singer/autore inglese ha deciso di celebrarlo attraverso la propria etichetta con un best of monumentale intitolato “Soundtracks Of My Life“, ben 30 canzoni in due CD con un booklet di 28 pagine un artwork sci-fi realizzato da Andras Sandberg. Per completare la celebrazione della prima parte di carriera solista Bayley pubblica anche il libro “Albums Of My Life” contenente notizie, date dei tour, commenti e foto.

Insomma, per i fan dell’artista si tratta di un ghiotto lavoro che oltre a presentare il meglio della produzione solista propone anche chicche di tutto rispetto di cui parleremo. Per chi non conosce il cantante (ai tempi molto criticato come frontman degli Iron Maiden) questa è la release perfetta per comprendere in toto quello che Bayley ha prodotto e proposto al suo pubblico.

Non mancano, come si diceva, elementi di novità; in primis citiamo le due nuove song composte con Rick Plester (ex chitarrista dei Black Symphony) per l’ocassione; si tratta di “Hatred (da cui è stato tratto anche un video)” e “Eating Children”, poste in fondo alla tracklist. Entrambe le song hanno una ritmica moderna molto ritmata e pesante in cui l’aspetto melodico vien messo in secondo piano a favore di un impatto che non sempre risulta convincente.

Nella tracklist troviamo poi la versione dei Blaze di un classico dei Wolfsband, ossia la scatenata “Tough As Steel” (originariamente “Steel”), bell’esempio di metal crudo e grezzo.

Abbiamo poi “Wonderful Life” dei Sinnergod, qui coverizzata da Blaze ed ancora le versioni acustiche di “Russian Holiday” e l’epica “Clansman” (forse il pezzo più bello realizzato da Bayley con i Maiden che però, detto onestamente, in questa new version diventa noiosissima) in cui il singer è accompagnato alla chitarra da Thomas Zwijsen.

“Soundtracks Of My Life” è un punto fermo per la parabola artistica di Blaze e chi ha apprezzato soprattutto la sua carriera solista non verrà deluso.

Etichetta: Blaze Bayley Recording

Anno: 2013

Tracklist:

CD1
01. Man Who Would Not Die
02. Ghost In The Machine
03. Stare At The Sun
04. Robot
05. Kill & Destroy
06. Silicon Messiah
07. The Brave
08. The Launch
09. King Of Metal (Remixed by Rick Plester)
10. Rainbow Fades To Black
11. Samurai
12. Blackmailer
13. Watching The Night Sky
14. Speed Of Light
15. Soundtrack Of My Life

CD2
16. Russian Holiday (acoustic feat. Thomas Zwijsen)
17. Clansman (acoustic feat. Thomas Zwijsen)
18. Voices From The Past
19. Tenth Dimension
20. Blood And Belief
21. 10 Seconds
22. Leap Of Faith
23. Tough As Steel (Blaze version)
24. Comfortable In Darkness
25. Living Someone Elses Life
26. The Day I Fell To Earth
27. Motherfuckers R Us
28. Wonderful Life (Sinnergod feat. Blaze Bayley)
29. Hatred (new song)
30. Eating Children (new song)


Sito Web: http://www.blazebayley.net/

leonardo.cammi

view all posts

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login