The Teenage Idols – Recensione: Something Wicked

Che possano essere idoli dei teenager non ci piove. Soltanto che devono essere chiari sin dall’inizio e sottolineare chiaramente che i teenager a cui si riferiscono sono quelli che hanno compiuto 15 anni quando l’uomo sbarcava sulla luna o l’Italia vinceva 4-3 con la Germania in Messico.

Questa band svedese gioca a fare, bene, il verso agli idoli di Detroit che bruciava in quegli anni, compreso un plagio (autorizzato) agli MC5 di ‘Kick In A Bag’ ed una serie di ritornelli che non avrebbero sfigurato nei primi episodi degli Stooges. Qualcuno lo chiama garage-punk, anche se in fondo rimane rock ‘n roll.

Canzoni corte, poche superano i tre minuti, basso e chitarre grasse al punto giusto ed un gusto nelle melodie vocali che difficilmente non lascerà traccia nell’ascoltatore, costringendolo al canticchio obbligato di almeno 5 o 6 ritornelli fra quelli qui presenti. L’originalità sta proprio da un’altra parte, negli stessi luoghi dove hanno accuratamente accantonato innovazione e tecnica, ma la qualità delle canzoni è comunque elevata. Merita più di un ascolto.

Voto recensore
7
Etichetta: Playground Music / Edel

Anno: 2005

Tracklist: 01. Soul Full Of Lead
02. Kick In A Bag
03. Bring It On
04. You Got Me
05. Erase Me
06. Where It’s At
07. Numb
08. Hot Love
09. Something Wicked
10. Do It
11. 12:15

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login