Soilwork – Recensione: Death Resonance

I Soilwork pensano bene di riempire il consueto vuoto di release del periodo estivo presentandosi sul mercato con una raccolta di rarità. Ecco allora che, a un anno esatto di distanza dall’ultimo disco di inediti “The Ride Majestic”, arriva questa particolare compilation dal titolo “Death Resonance”. In concreto, l’album si compone di due nuove canzoni rimaste fuori dall’appena citato “The Ride Majestic” e da tredici tracce che in passato hanno costituito bonus track e brani assortiti usciti solo in Giappone.

Consideriamo in primis i due nuovi pezzi. “Helsinki” è una bella canzone veloce, aggressiva e dalle melodie malinconiche, nel miglior stile del melodic death metal svedese; la title track “Death Resonance” si mantiene quindi sulle medesime coordinate, che sono poi quelle sposate da sempre dai Soilwork, adottando solo un approccio forse un po’ più oscuro. A questo punto il menù prevede le cinque tracce che compongono per intero l’EP “Beyond The Infinite”, lanciato nel 2014 sul solo mercato asiatico, che riguarda interessanti inediti provenienti dalle sessioni del penultimo platter del gruppo “The Living Infinite”. La seconda parte della raccolta è infine totalmente dedicata alle japanese bonus tracks: vi troviamo infatti tutte le canzoni speciali che chiudevano le edizioni per l’estremo oriente dei recenti album “Stabbing The Drama”, “Sworn To A Great Divide” e “The Panic Broadcast”.

Death Resonance” non è una release utilissima, ma chi possiede tutto dei Soilwork la troverà interessante. I due inediti faranno gola a coloro che non vogliono perdersi nulla di originale di quanto prodotto dalla band scandinava, mentre le bonus track giapponesi faranno la felicità dei più fedeli collezionisti del gruppo. Chi non rientra invece in tali categorie può limitarsi ad ascoltare questa raccolta su Spotify!

Soilwork - Death Resonance

Voto recensore
s.v.
Etichetta: Nuclear Blast Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Helsinki (inedito) 02. Death Resonance (inedito) 03. The End Begins Below The Surface (“The Ride Majestic” Japan bonus track) 04. My Nerves, Your Everyday Tool (“Beyond The Inifite” Japan-only EP) 05. These Absent Eyes (“Beyond The Inifite” Japan-only EP) 06. Resisting The Current (“Beyond The Inifite” Japan-only EP) 07. When Sound Collides (“Beyond The Inifite” Japan-only EP) 08. Forever Lost In Vain (“Beyond The Inifite” Japan-only EP) 09. Sweet Demise (“The Panic Broadcast” Japan bonus track) 10. Sadistic Lullabye (re-recorded, “The Panic Broadcast” Japan bonus track) 11. Overclocked (2016 mix, “Sworn To A Great Divide” Japan bonus track) 12. Martyr (2016 mix, “Sworn To A Great Divide” Japan bonus track) 13. Sovereign (2016 mix, “Sworn To A Great Divide” Japan bonus track) 14. Wherever Thorns May Grow (2016 mix, “Stabbing The Drama” Japan bonus track) 15. Killed By Ignition (2016 mix, “Stabbing The Drama” Japan bonus track)
Sito Web: http://www.soilwork.org/

matteo.roversi

view all posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login