Six Feet Under – Recensione: Crypt Of The Devil

Nel corso degli anni i Six Feet Under sono diventati sempre più il progetto di un uomo solo al comando. Il personaggio in questione è ovviamente Chris Barnes, arrivato alla ribalta per aver regalato la voce ai primi e imprescindibili lavori dei Cannibal Corpse, e poi tornato a nuova vita attraverso questa sua creatura, altrettanto mostruosa, ma dalle sonorità più groovy e lineari.

Non tutte le uscite della band sono esattamente dei capolavori, ma nel corso di una carriera comunque più che dignitosa i Six Feet Under si sono creati non solo una personalità identificabile (e qui molto del merito va certamente al signor Barnes), ma anche un following affezionato che sa cosa aspettarsi e che raramente rimane deluso.

Crypt Of The Devil” segue senza preoccuparsi troppo di stupire il canovaccio che tutti conosciamo: song dal forte impatto, che ben si appoggiano su una struttura definibile old school death-thrash, ma che si caratterizzano anche di sonorità straordinariamente pulite per la norma del genere.

Una scelta non nuova neanche questa per la band, che serve probabilmente ad accentuare il contrasto con la cavernosa interpretazione dello stesso Barnes, come sempre marcio fino al midollo ed estremamente riconoscibile nella sua alternanza di screaming e gutturals.

Ancora una volta la line-up è stata stravolta e a questo giro manca anche il fedele Steve Swanson, sostituito, ma solo per la registrazione in studio, da Phil Hall (Cannabis Corpse-Municipal Waste) e Brandon Ellis (parti soliste). Una totale diversità tra line-up live e studio che ribadisce quanto i Six Feet Under siano di fatto un solo project.

Ad ulteriore conferma di ciò arriva anche la buona qualità dello stesso “Crypt Of The Devil”. Un lavoro tra i più riusciti del gruppo, che evidentemente non soffre dei cambiamenti sopra citati e che si affida alla professionalità dei musicisti selezionati per riprodurre con perfetta resa, e una punta di diversità rispetto al passato, quanto pensato dal leader.

Ne vengono fuori canzoni non certo baciate dal dono della originalità, ma davvero ben architettate e trascinanti come le iniziali “Gruesome”, parecchio aggressiva e debitrice ai primordi della scena death (con una punta di vecchi Cannibal Corpse nell’incedere ritmico), e la altrettanto valida “Open Coffin Orgy”, più groovy e tipicamente Six Feet Under, ma marchiata da cambi di ritmo non del tutto prevedibili e carica di atmosfera lugubre.

Titoli non certo rassicuranti come “Broken Bottle Rape”, “Stab” o ”Compulsion To Brutalize” fanno capire che anche dal punto di vista delle liriche si rimane sul territorio tipico della band: serial killer, violenza estrema, scenari da film horror e, ovviamente, tanto sangue.

Anche se con pochi cambiamenti rispetto al passato “Crypt Of The Devil” ci riconsegna una band in forma e in grado di rinnovarsi quel tanto che basta per presentare una proposta sempre all’altezza delle aspettative. Bene così.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Metal Blade

Anno: 2015

Tracklist:

01. Gruesome
02. Open Coffin Orgy
03. Broken Bottle Rape
04. Break the Cross in Half
05. Lost Remains
06. Slit Wrists
07. Stab
08. The Night Bleeds
09. Compulsion to Brutalize
10. Eternal Darkness


Sito Web: http://www.facebook.com/sixfeetunder

riccardo.manazza

view all posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login