Signal Red – Recensione: Under The Radar

La presenza di Steve Grocott, chitarrista dei Ten, ma soprattutto del cantante Lee Small – uomo/ovunque protagonista negli anni scorsi di alcune release davvero notevoli da solista, con gli Shy, con il progetto Phenomena, con i Lionheart – induceva a guardare all’esordio dei Signal Red – completati da Brian J Anthony (Steve Walsh) al basso e Dave Anthony (Dennis DeYoung) alla batteria – con un certo interesse.

Purtroppo i primi tre brani rischiano di far prevalere una certa disillusione: l’hard rock melodico intriso di epicità proposto dai Signal Red è ordinario e Grocott sembra più impegnato a mostrare la propria perizia tecnica anche ad alte velocità che non a mettersi al servizio del gruppo. Le cose funzionano meglio quando il ritmo rallenta e consente a Small di mettere in risalto il proprio talento senza dover per forza mostrare i muscoli: è il caso di “Tell It To the Blues”, che parte con calore blues per poi essere portata in cielo dall’ugola del cantante, o della variegata “Monster Truck”, colorata da Grocott con un assolo finalmente degno. L’epica “Pyramid Of Mars”, con le tastiere ad aggiungere profondità, prosegue su buoni livelli ma l’apice i Signal Red lo raggiungono con l’emozionante ballad “Emotion In Motion” (nomen omen, appunto). Dopodiché l’effetto sorpresa finisce, e si vira sul compitino prima della chiusura melodrammatica e ad effetto con “The Time Machine”, che peraltro suona piuttosto forzata.

“Under The Radar” è un album dai due volti, per nulla convincente quando la band cerca di mostrare i muscoli ma decisamente efficace quando lascia lo spazio alla passione. Il songwriting non è nulla di eccezionale, ma quando riescono a salire a galla il talento di Small e pure, in misura minore, di Grocott (relegato ad un ruolo secondario nei Ten e protagonista nei Signal Red) è la loro classe ed il loro gusto a fare la differenza.

Voto recensore
6
Etichetta: Escape Music

Anno: 2018

Tracklist: 01. Defiant 02. Houdini 03. Stronger 04. Tell It To The Bees 05. Monster Truck 06. Pyramids Of Mars 07. Emotions In Motion 08. Highwire 09. Making Contact 10. Goth The Girl 11. The Time Machine
Sito Web: https://www.facebook.com/profile.php?id=100012442478151

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login