Damned Nation – Recensione: Sign Of Madness

‘Sign Of Madness’ è la quarta release per gli svedesi Damned Nation. Proseguendo il discorso stilistico intrapreso già dal precedente ‘Grand Design’, i nostri propongono un hard rock piuttosto ricercato e con numerose venature melodiche (un organo hammond la sua bella figura la fa sempre…), sebbene non manchi un tocco squisitamente “swedish” percepibile nei riff di chitarra tessuti da Robert Wanqvist (sempre compatti e taglienti) e nella fantasiosa sezione ritmica di Roger Jern (batteria) e Magnus Jonsson (basso).

‘Sign Of Madness’ è un disco che si lascia ascoltare con piacere, complice anche l’ottima performance del singer Matti Alfonzetti, notevole interprete chiamato a sostituire l’ex front man Thomas Torsén. Come dicevamo, i brani si snodano in massima parte lungo tappeti di riff pesanti e distorti, non senza incontrare piacevoli rifiniture melodiche: citiamo ‘Wall Of Illusion’, con un interessante break di arpeggi e voce femminile e ‘Wake Up’, pezzo molto “catchy” ma altrettanto compatto, giocato sull’alternarsi tra riff di chitarra disarticolati e la voce filtrata di Matti. In linea di massima non siamo di fonte a nulla che spicchi per un’originalità particolare, ma il lavoro svolto dai Damned Nation rimane senz’altro onesto e professionale, certamente non mancherà di entusiasmare i cultori del genere.

Voto recensore
6
Etichetta: Scarlet / Audioglobe

Anno: 2004

Tracklist:

01.Innocence
02.Stranded
03.Wall Of Illusion
04.Consequences
05.Bringer Of Light
06.Sign Of Madness
07.Facing The Enemy
08.Human Sacrifice
09.Still Alive
10.Wake Up
11.Slave
12.Going Blind


andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login