Shape Of Despair – Recensione: Alone In The Mist

A un anno e mezzo da “Monotony Fields”, Season Of Mist licenzia “Alone In The Mist”, non esattamente un nuovio album degli Shape Of Despair bensì un demo risalente al 1998, quando la band portava ancora il nome di Raven. Non una ri-registrazione ma una semplice pulizia e ri-masterizzazione dei nastri originali di questo prodotto rimasto inedito per quasi vent’anni.

A ben vedere “inedito” non è forse il termine più corretto, perchè ben quattro pezzi (“Down Into The Stream”, “Shadowed Dreams”, “Woundheir” e “…in The Mist”), sono stati poi riarrangiati dal gruppo e pubblicati sul debut album “Shades Of…”, mentre “To Adorn…” è stata in seguito pubblicata sulla raccolta omonima uscita nel 2005. In definitiva, l’unico brano rimasto davvero nel cassetto è la strumentale “Outro”.

A rendere fredda la nostra accoglienza si aggiunge il fatto che la registrazione rimane fedele al sound dell’epoca risultando fin troppo ruvida. Non aspettatevi comunque il sound caratterizzante del gruppo, qui ancora molto acerbo e lontano dal quel funeral doom dal gusto bluesy e progressivo che ha distinto i lavori recenti. I pezzi poggiano su di un riff ricorsivo che dipinge una melodia malinconica e d’effetto abbracciata dai passaggi di tastiere, mentre in sottofondo si odono le growling vocals, distanti e profonde. La band possedeva già un forte senso estetico e i pezzi scorrono densi di pathos, ma l’operazione nostalgia resta in sè e per sè piuttosto opinabile e rivolta solo ai più incalliti fan di vecchia data, che potranno acquistare l’album in formato Cd jewel case o in doppio vinile.

Per la cronaca, il platter è naturalmente registrato dalla formazione dell’epoca, con i due memrbi rimasti Jarno Salomaa (chitarra e tastiere), Tomi Ullgrén, (qui al basso e poi passato alla chitarra, anche nelle fila degli Impaled Nazarene) e l’ex vocalist Toni Mäensivu.

shape-of-despair-alone-in-the-mist-cover

Voto recensore
S.V.
Etichetta: Season Of Mist

Anno: 2016

Tracklist: 01. Down Into The Stream 02. To Adorn... 03. Shadowed Dreams 04. Woundheir 05. …in The Mist 06. Outro
Sito Web: http://www.shapeofdespair.com/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login