Seremonia – Recensione: Pahuuden äänet

A tutto vintage. I finlandesi Seremonia sono ormai una garanzia per chi segue il fervente panorama di rilettura del rock anni’70, che nella compagine nordeuropea trova una deliziosa vena maligna di carattere esoterico e sabbathiano.

“Pahuuden äänet” (“The Voice Of Evil”) è il quarto album in studio in nemmeno un lustro di attività e arriva a poco più di un anno dal precedente “Kristalliarkki”, già segnalato dal nostro portale per la sua ottima qualità. Il nuovo album prosegue naturalmente sul sentiero già saldamente battuto dal gruppo e i risultati sono ancora una volta incoraggianti.

Superato il lieve stupore nel sentire l’utilizzo della lingua madre (che in realtà si adatta molto bene alla struttura dei pezzi), “Pahuuden äänet” saprà intrigarvi con il suo sound “vinilico”, ruvido e ricco di riverberi. Ovvio che la registrazione analogica scelta dalla band preserva un alone squisitamente seventies, tanto che, anche questo disco potrebbe essere uscito, chissà, magari nel 1975 e dimenticato per qualche motivo.

“Orjat” mostra subito un flirt tra i Black Sabbath e i Blue Cheer, la brava Noora Federley ci trascina nel ballo con il suo timbro versatile e un pizzico disarticolato, ideale compagno delle atmosfere acide dei pezzi. La band mostra ancora tutta la sua devozione ai Sabs nell’efficacissima titletrack, dove le graffianti chitarre di Temu Markkula e Ville Pirinen sono protagoniste di un costante dialogo a mo’ di botta e risposta con la sezione ritmica di Ikka Vekka (basso) e Erno Taipale (batteria).

Tra i brani a nostro parere meglio riusciti, citiamo anche l’intrigante hard blues di “Ne Ovat Jo Täällä”, oltre alle crimsoniane “Kuoleman Planeetta” e “Uusi Aamu Sarastaa”, dove l’organo hammond e il flauto si ritagliano più di un cammeo.  Intrigante in tutta la sua durata, “Pahuuden äänet” è una nuova partita vinta da questi simpatici hippies del Nord.

seremonia

Voto recensore
7
Etichetta: Svart Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Orjat 02. Sielun Kuolema 03. Pahuuden äänet 04. Säˆhkoˆlintu 05. Ne Ovat Jo Täällä 06. Me Kutsumme Sitaä 07. Riivatut 08. Kuoleman Planeetta 09. Riudut Ja Kuolet 10. Uusi Aamu Sarastaa
Sito Web: https://www.facebook.com/Seremonia666/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login